Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 11289
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
München, 25. August 1924

Betreff
Proposta di onorificenza Pontificia per il sacerdote Enrico Mohr
Eminenza Reverendissima,
Insieme ai due fogli, che qui acclusi compio il dovere di ritornare all'Eminenza Reverendissima, mi è regolarmente giunto il venerato Dispaccio N. 33806 in data del 13 corrente.
Senza indugio mi sono rivolto al Revmo Mons. Arcivescovo di Friburgo, affine di conoscere il suo parere circa la onorificenza Pontificia richiesta per il Rev. Sac. Enrico Mohr. Stamane mi è pervenuta la di lui risposta, che l'Eminenza Vostra troverà parimenti qui compiegata. Mons. Fritz afferma che il sacerdote in discorso, assai colto in materia letteraria e di costumi irreprensibili, esercita la sua attività principalmente come scrittore popolare e pubblica attualmente il noto periodico settimanale "Das Himmelreich". Il Mohr è però una personalità discussa; assai stimato dai cattolici appartenenti alla destra (partito tedesco-nazionale), poco numerosi nell'Archidiocesi di Friburgo, è invece mal visto dalla grande maggioranza, specialmente del Clero. I suoi rapporti col
68v
defunto Arcivescovo Mons. Noerber furono tesi. Egli nel 1911 usò una parola ingiuriosa verso il suo Ordinario e solo dopoché la Curia iniziò al riguardo un procedimento penale, ritirò la offensiva espressione; si dovette inoltre ricorrere alla minaccia di pene ecclesiastiche per indurlo a pagare le spese del giudizio. In questi ultimi tempi il Mohr si è occupato anche di politica nel senso tedesco-nazionale; la stampa ha parlato di lui, non con suo vantaggio. Alcuni mesi or sono, egli si è vantato pubblicamente della sua antica conoscenza col capo tedesco-nazionale Generale v. Chrismar, il quale, benché battezzato cattolico, ha una famiglia intieramente protestante e non pratica la religione. – Mons. Arcivescovo conclude che una distinzione del S. Padre all'ecclesiastico in parola sarebbe male accolta da molti cattolici, particolarmente dal Clero, e probabilmente verrebbe anche sfruttata nelle lotte politiche; è quindi dolente di non poter dare, in simili circostanze, il suo consenso alla medesima, sebbene stimi ed ami il sac. Mohr.
Le suddette informazioni mi sono state confermate altresì da un ecclesiastico degno di fede, il quale, pur ammettendo il valore e la piena ortodossia degli scritti del Mohr, ha aggiunto che egli, a causa della sua orientazione politica, non è ben visto nel Baden dalla grande maggioranza dei catto-
69r
lici e del Clero, la quale è di tendenze repubblicane ed aderisce piuttosto all'ala sinistra del Centro.
In tale situazione sembra che, nonostante le qualità ed i meriti letterari del sacerdote in questione, la concessione della implorata onorificenza non sarebbe, almeno per ora, opportuna.
Chinato umilmente al bacio della Sacra Porpora, con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 25. August 1924 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 11289, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/11289. Letzter Zugriff am: 18.08.2019.
Online seit 18.09.2015