Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 14660
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
Berlin, 03. Mai 1925

Betreff
Per il condannato a morte Sacerdote Michele Dworsky
Eminenza Reverendissima,
Non appena mi pervenne il venerato telegramma cifrato dell'Eminenza Vostra Reverendissima N. 126, cominciai col rivolgermi immediatamente a questo Ministero degli Esteri, pregandolo di interessare con ogni sollecitudine l'Ambasciata germanica in Mosca, affine di ottenere la grazia a favore del sacerdote Michele Dworsky (o Dmowsky?) di Petrogrado, condannato a morte. Il Ministero, dopo di aver deliberato sul caso, mi consigliò di abboccarmi col Sig.  Conte Brockdorff-Rantzau, Ambasciatore del Reich presso la Unione delle Repubbliche dei Soviety, attualmente presente in Berlino. Mi recai infatto subito da lui, il quale mi promise che avrebbe fatto quanto era in suo potere, pur esprimendo preoccupazioni e dubbi, massime a causa della nazionalità polacca (a quanto almeno sembra indicare il nome) del sacerdote in discorso. Da parte mia raccomandai al summenzionato
64v
Conte caldamente un pronto intervento; avendo però notato in lui una certa indecisione ed incertezza, onde non lasciare intentato alcun mezzo, indirizzai allo scopo medesimo una Nota a questo Incaricato d'Affari dei Soviety (in temporanea assenza dell'Ambasciatore Krestinsky).
Nella lusinga che tali premure non rimangano del tutto infruttuose, m'inchino umilmente al bacio della Sacra Porpora e con sensi do profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 03. Mai 1925 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 14660, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/14660. Letzter Zugriff am: 29.03.2020.
Online seit 24.06.2016