Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 15640
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
Berlin, 16. Januar 1926

Betreff
Circa la nomina del nuovo Amministratore Apostolico di Tütz
Eminenza Reverendissima,
Il venerato Dispaccio dell'Eminenza Vostra Reverendissima N. 50539 del 31 Dicembre p. p. – partito da Roma (come risulta dal timbro postale) il 13 corr. – mi è giunto stamane.
Poiché il sullodato Dispaccio sapientemente osserva essere prassi comune per la nomina di un Amministratore Apostolico "ad nutum S. Sedis" di non sentire in precedenza il Governo, che potrebbe avere ad essa interesse, non mi è chiaro se l'Eminenza Vostra abbia inteso di autorizzarmi a trattare sin da ora col Governo prussiano, – naturalmente in via confidenziale e per pura cortesia, – affinché non frapponga difficoltà alla nomina del canonico Paech.
È tuttavia mio dovere di coscienza di riferire all'Eminenza Vostra che il Direttore ministe-
64v
riale nel Ministero del Culto prussiano, Sig. Trendelenburg, venuto a visitare, durante la mia assenza, nel Novembre scorso questo Mons. Consigliere della Nunziatura, gli manifestò essere venuto a conoscenza del Governo che la stampa in Polonia aveva preso posizione contro la candidatura del Sac. Gramse. In seguito, anche a me sono giunti da vari uomini politici della Germania lamenti per asserite influenze, che da parte polacca si eserciterebbero sulla S. Sede circa la nomina in discorso. Vostra Eminenza vede quindi quanto delicata sia l'attuale vertenza, tanto più che, come mi permisi già di notare subordinatamente, sarebbe pericoloso di addurre di fronte a questo Governo il motivo della insufficiente conoscenza della lingua polacca e, d'altra parte, lo stato di salute del Gramse sembra, almeno a quanto si afferma, essere ora ottimo. Se dunque la nomina dell'Amministratore nella persona del Revmo Canonico Paech venisse compiuta senza previa intelligenza col Governo prussiano, la S. Sede non farebbe, senza dubbio, che esercitare un Suo sacro diritto, ma, se non m'inganno, ciò
65r
solleverebbe, per quanto ingiustamente, un grave incidente, aumenterebbe nel Governo la diffidenza ed il risentimento già così vivi (sebbene, certo, irragionevoli) a causa delle disposizioni del Concordato colla Polonia e distruggerebbe le ultime tenuissime probabilità di concludere, in un avvenire non troppo lontano, un Concordato colla Prussia e col Reich.
In attesa, peraltro, delle ossequiate istruzioni dell'Eminenza Vostra, m'inchino umilmente al bacio della Sacra Porpora e con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 16. Januar 1926 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 15640, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/15640. Letzter Zugriff am: 28.09.2020.
Online seit 29.01.2018, letzte Änderung am 01.09.2016