Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 18474
Pacelli, Eugenio an De Lai, Gaetano
[Rorschach], 15. Dezember 1925

Betreff
Supplica del Mons. Vescovo di Meissen per facoltà di costituire nella diocesi stessa il tribunale di seconda istanza
Insieme al venerato Dispaccio N. 861/25 del 22 Ottobre c. a. mi è pervenuta la supplica del Revmo Mons. Vescovo di Meissen, che qui acclusa compio il dovere di ritornare all'Eminenza Vostra Reverendissima.
Mi sia lecito in primo luogo di ricordare come in due diocesi della Germania, Breslavia e Ermland, esiste già il tribunale di seconda istanza. - Per quella di Breslavia detto tribunale venne istituito dietro domanda del Re di Prussia dal Sommo Pontefice Benedetto XIV con Breve del 1º Agosto 1748, in cui si concedeva che le cause in seconda e terza istanza fossero deferite al Nunzio Apostolico di Polonia, il quale in ogni singolo caso avrebbe dovuto commetterne il giudizio ad uno degli ecclesiastici compresi nell'elenco presentato dalla Curia. Il tribunale medesimo, dopo varie vicende che sarebbe qui superfluo di esporre,
167v
venne recentemente ricostituito, come è ben noto all'Eminenza Vostra, dalla S. M. di Benedetto XV con Breve del 22 Febbraio 1918, in virtù del quale il sullodato Pontefice rinnovò in perpetuo alla Curia di Breslavia l'indulto di giudicare in seconda istanza le cause della medesima diocesi. A tale scopo il Vescovo col consiglio del Capitolo cattedrale deve presentare alla Nunziatura Apostolica di Baviera (in forza di posteriore decreto di cotesta S. Congregazione del 10 Febbraio 1925, a quella di Germania) un elenco di persone ecclesiastiche atte ad essere giudici secondo le prescrizioni del Codice di diritto canonico, tra le quali la Nunziatura medesima ne deputa cinque, duraturi nell'ufficio ad certum tempus, non ultra decennium.
Quanto alla diocesi di Ermland sembra invece doversi dedurre da una lettera del Vescovo Giuseppe di Hohenzollern del 16 agosto 1814 (cfr. Kaas , Die geistliche Gerichtsbarkeit der katholischen Kirche in Preussen nei Kirchenrechtliche Abhandlungen herausgegeben von Dr  Ulrich Stutz, 84 u. 85. Heft, Stuttgart, Verlag von Ferdinand Enke, 1915, vol. I pag. 119-120) che il tribunale di seconda istanza sia stato ivi istituito dai Vescovi stessi di propria autorità, tacitamente consenziente od almeno non contraddicente la S. Sede. Attualmente esso consta, al pari
168r
di quello di prima istanza, di un officiale e di quattro giudici (cfr. Elenchus universi Cleri dioecesis Warmiensis conscriptus sub fine anni 1924, pag. 6). La Nuntiatura non ha alcuna parte nella nomina dei medesimi.
Per venire ora alla summenzionata supplica del Vescovo di Meissen, le ragioni addotte dal Revmo Mons. Schreiber non sarebbero, a mio umile e subordinato avviso, per sé tali da consigliare la concessione dell'implorato indulto. Non la prima; perché essa concerne il tempo, in cui il territorio della Sassonia era diviso nel Vicariato Apostolico dello stesso nome con sede in Dresda e nella Prefettura Apostolica di Lusazia. Ripristinata la diocesi di Meissen nel 1921, la situazione è mutata. Del resto, l'antico ordinamento, cui si riferisce il sullodato Vescovo, aveva almeno in parte la sua origine da arbitrarie disposizioni governative.
Non la seconda; perché il tribunale di appello, anche se fuori della diocesi di Meissen, sarebbe sempre quello di un Ordinario della Germania. Non parmi quindi che potrebbero
168v
sorgere difficoltà da parte dell'Autorità civile, come esse di fatto non si incontrano in altre diocesi tedesche, il cui Metropolitano ha la sua sede in uno Stato particolare della Germania diverso da quello dei Suffraganei. Tale è la provincia ecclesiastica di Friburgo (Baden), cui appartengono, come Suffraganee, le diocesi di Fulda e Limburgo (Prussia), di Magonza (Hessen) e di Rottenburg (Württemberg).
Non la terza; perché alle diocesi immediatamente soggette alla S. Sede provvede il diritto comune (can. 1594 § 3). Il Vescovo di Meissen è tenuto a norma del can. 285 ad eleggere coll'approvazione della S. Sede un Metropolitano, al cui Concilio provinciale deve assistere e che funge da giudice di seconda istanza, salvo il diritto di appello diretto alla S. R. Rota (can. 1599 § 1 n. 1º). Così il Vescovo di Osnabrück ha designato a tal fine il Revmo Arcivescovo di Colonia (cfr. Acta Ap. Sedis , vol. XII, 1920, pag. 444).
Si aggiunga che, per quanto io sappia, la diocesi di Meissen difetta di
169r
ecclesiastici periti nel diritto canonico, tanto che Mons. Schreiber, non ha un Vicario generale, come risulta dal Verzeichnis des Klerus und der Seelsorgstellen im Bistum Meissen del corrente anno. Si potrebbe quindi dubitare se vi sia sicura garanzia per la regolare trattazione degli affari giudiziari.
Occorre tuttavia di notare come nella Germania orientale, in seguito ai mutamenti territoriali cagionati dalla guerra, dovrà addivenirsi ad una nuova circoscrizione diocesana: gli studi preparatori per la soluzione di questo difficile e complicato affare sono già iniziati. In tale occasione sarebbe altresì, a mio modesto parere, conveniente di creare ivi una provincia ecclesiastica, la quale dovrebbe possibilmente comprendere pure la diocesi di Meissen. Se questo progetto venisse ad attuarsi, anche la questione del tribunale di seconda istanza si troverebbe senz'altro risoluta. D'altra parte, Mons. Schreiber che è, del resto, Prelato assai lodevole e zelante, ha già sin dal 1922, come egli stesso espone, istituito di fatto nella sua diocesi l'anzidetto tribunale,
169v
e riuscirebbe quindi verisimilmente, nel momento presente, a lui penoso, se venisse quasi sconfessato dalla S. Sede. In considerazione di ciò, potrebbe forse, se non m'inganno, previa la sanzione degli atti sinora compiuti, tollerarsi o riconoscersi lo stato attuale di cose, però soltanto provvisoriamente sino a nuovo ordine.
Nel sottomettere quanto sopra al superiore giudizio dell'Eminenza Vostra, m'inchino umilmente al bacio della S. Porpora, mentre con sensi di profondissimo ossequio ho l'onore di confermarmi
Dell'Eminenza Vostra Reverendissima
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an De Lai, Gaetano vom 15. Dezember 1925 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 18474, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/18474. Letzter Zugriff am: 17.08.2019.
Online seit 24.06.2016, letzte Änderung am 25.02.2019