Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 19585
Pacelli, Eugenio an Sincero, Luigi
[Berlin], 16. Januar 1927

Betreff
Sul Sac. Prof. Berg
In esecuzione dei venerati ordini impartitimi dall'E. V. R. coll'ossequiato Dispaccio N. 19030/26 del 9 Novembre u. s. non ho mancato di rimettere al Rev. Sac.  Prof. Berg la somma di Marchi mille, benignamente destinata dal S. Padre per l'opera a favore dei Russi in Berlino. Qui acclusa mi permetto d'inviare a V. E. la lettera di ringraziamento del menzionato Sacerdote. Mi sono inoltre rivolto, sempre in ossequio alle superiori istruzioni dell'E. V., all'Ordinario del Sac. Berg, Eminentissimo Sig.  Cardinale Schulte, Arcivescovo di Colonia, per avere il suo parere circa l'opportunità di una eventuale di lui nomina a Cameriere Segreto Soprannumerario. - Mi sia permesso, a tale riguardo, di ricordare come il sacerdote
594v
in questione fu proposto per la cura spirituale dei Russi profughi in Germania dall'Eminentissimo Sig.  Cardinale Bertram, Vescovo di Breslavia, al Revmo P.  d'Herbigny S. J., Presidente del Pontificio Istituto Orientale, ed ora Vescovo titolare di Ilio, nel Luglio 1924 in occasione del Congresso eucaristico di Amsterdam. Per incarico del sullodato Revmo Monsignore d'Herbigny, scrissi all'Emo Schulte, il quale con Foglio N. 24/723 del 6 Agosto 1924 mi rispose annuendo alla scelta del Prof. Berg ed aggiungendo esser egli, a suo parere, "un sacerdote sicuro ed abile, il quale certamente, qualora non sia necessaria la conoscenza della lingua russa, potrà far bene nella cura spirituale dei Russi". Tutto ciò riferii, come di dovere, all'Eminentissimo Signor Cardinale Segretario di Stato nel rispettoso Rapporto N. 31348 del 2 Ottobre 1924. Ho provato quindi una ben
595r
dolorosa sorpresa nell'apprendere ora dalla lettera dell'Eminentissimo Arcivescovo di Colonia N. 45 in data del 12 corrente che il detto sacerdote, alcun tempo prima della sua venuta a Berlino, commise in Colonia una grave imprudenza con persona di sesso diverso. L'Eminentissimo stesso non è venuto a conoscenza di tale penoso fatto che circa nove mesi or sono. Non sembra perciò in alcun modo possibile di accordare al Prof. Berg qualsiasi Pontificia distinzione. Qui in Berlino la cosa è, per quanto io sappia, sconosciuta. L'Eminentissimo Bertram, che ne è stato informato, non ha creduto, almeno sinora, di proporre che venga esonerato dal suo ufficio.
Ben dolente di dover comunicare quanto sopra all'E. V., m'inchino
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Sincero, Luigi vom 16. Januar 1927 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 19585, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/19585. Letzter Zugriff am: 18.10.2019.
Online seit 25.02.2019