Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 237
Schioppa, Lorenzo an Gasparri, Pietro
München, 09. Januar 1919

Regest
Schioppa sprach mit dem Chefredakteur des "Bayerischen Kuriers", Josef Osterhuber, über die Veröffentlichung des an die Regierungen von Preußen und Bayern gerichteten Protests wegen der Aufhebung der geistlichen Schulaufsicht. Zu seiner Überraschung wies Osterhuber ihn darauf hin, dass er die Nachricht gerne veröffentlich hätte, dass aber, wie aus einem Flugblatt der Bayerischen Volkspartei ersichtlich, die bayerischen Bischöfe nur gegen die einseitige und gewalttätige Lösung des bisherigen Rechtszustandes ohne Fühlungnahme mit der zuständigen Kirchenbehörde protestiert hätten, wie schon von Schioppa in seinem Bericht an Gasparri vom 20. Dezember 1918 mitgeteilt worden war. Eine darüber hinausgehende Stellungnahme des Heiligen Stuhls sei nicht ratsam und vom Münchener Erzbischof von Faulhaber ausgeschlossen worden. Nach Einschätzung Osterhubers und Schioppas haben die bayerischen Bischöfe nichts gegen die Aufhebung einzuwenden.
Betreff
Intorno alla soppressione della ispezione ecclesiastica nelle scuole di Baviera
Eminenza Reverendissima,
Appena mi pervenne il venerato cifrato di Vostra Eminenza Reverendissima N. 168, considerando che la pubblicazione della notizia della protesta presentata dalla Santa Sede ai Governi di Prussia e di Baviera contro la soppressione dell'ispezione ecclesiastica nelle scuole, avrebbe prodotta ottima impressione fra i cattolici, specialmente alla vigilia delle elezioni, ne parlai al Direttore del "Bayerischen Kurier".
Mi indussi a questo passo anche perché avevo saputo essere desiderio del Signor Barone de Ritter, Ministro di Baviera presso la Santa Sede, che la su menzionata notizia venisse a conoscenza del pubblico.
Con mia sorpresa il prelodato Direttore mi rispose che molto volentieri avrebbe pubblicata la notizia, ma che bisognava considerare che in uno dei Foglietti volanti (Allegato)
46v
stampati a scopo di propaganda elettorale dalla "Bayerischen Volkspartei" è detto che "i Vescovi Bavaresi nella loro Conferenza in Frisinga del 18 Dicembre p. p. hanno protestato solamente contro la unilaterale e violenta soppressione dell'attuale stato di diritto, senza intesa delle competenti Autorità ecclesiastiche".
Infatti la protesta dei Vescovi Bavaresi, che ho avuto l'onore di trasmettere a Vostra Eminenza Reverendissima col mio rispettoso rapporto N. 11440 del 20 Dicembre p. p., suona proprio così.
Il suddetto Direttore aggiungeva che in seguito a ciò, la protesta della Santa Sede, fatta in forma generale si troverebbe in disaccordo con quella dell'Episcopato Bavarese che riguarda solo la forma della soppressione in parola e che perciò, prima di pubblicare la notizia della protesta della Santa Sede, sarebbe stato opportuno discorrere in proposito con Monsignor Arcivescovo di Monaco.
Mi recai subito da Monsignor de Faulhaber ed, avendogli esposto la cosa, egli mi disse che non avrebbe voluto che la "Bayerische Volkspartei" pubblicasse quella nota intorno alla protesta dell'Episcopato nei termini in cui la nota era stata redatta, ma, giacché ciò era avvenuto, egli non credeva opportuna la pubblicazione della notizia della protesta della
47r
Santa Sede; sicché io non ho reputato conveniente insistere più oltre.
Dall'insieme delle cose mi pare che l'Episcopato Bavarese non abbia creduto opportuno protestare contro la soppressione in se stessa ma solo contro la forma con cui essa fu eseguita e che in tale senso tale protesta è stata accolta dalla "Bayerischen Volkspartei" e data al pubblico, il quale – come mi diceva il Direttore su nominato – ha capito che l'Episcopato Bavarese non ha nulla da opporre contro la soppressione dell'ispezione ecclesiastica nella scuola. Del resto tale fu anche la mia impressione, quando la prima volta parlai della cosa a Monsignor de Faulhaber, come esposi a Vostra Eminenza nel citato rapporto.
Ho creduto mio dovere portare tutto ciò a conoscenza dell'Eminenza Vostra ed intanto chinato umilmente al bacio della Sacra Porpora, con sensi di profondissima venerazione mi pregio confermarmi
di Vostra Eminenza Reverendissima
Obblmo devmo umilmo servo
Lorenzo Schioppa
Uditore
Empfohlene Zitierweise:
Schioppa, Lorenzo an Gasparri, Pietro vom 09. Januar 1919 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 237, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/237. Letzter Zugriff am: 04.04.2020.
Online seit 04.06.2012, letzte Änderung am 20.01.2020