Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 240
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
München, 24. März 1919

Regest
Pacelli schrieb dem Augsburger Bischof Lingg nach seiner Flucht vor den revolutionären Tumulten einen tröstenden Brief. Daraufhin schilderte Lingg ihm den Ablauf des Tumultes: zahlreiche Mitglieder des Spartakusbundes hätten versucht, ihn zu töten, und er habe sich nur mit Mühe retten können.
Betreff
Sull'attentato contro il Vescovo di Augsburg
Eminenza Reverendissima,
Come ebbi l'onore di riferire all'Eminenza Vostra Reverendissima col mio rispettoso Rapporto N. 12163 in data del 23 Febbraio p. p., durante la seconda rivoluzione in Baviera alla fine dello scorso mese il palazzo episcopale di Augsburg venne invaso dai tumultanti, mentre il Vescovo riusciva a stento a fuggire, rifugiandosi in luogo ignoto. Essendo poi venuto a conoscere segretamente che egli trovavasi nel Monastero benedettino di S. Ottilie, credetti opportuno di scrivergli una lettera di conforto. Monsignor de Lingg, il quale ha molto gradito tale attenzione, nella sua risposta pervenutami ora mi ha narrato il doloroso incidente nei termini seguenti:
"Circa duecento Spartachiani entrarono all'improvviso nel mio palazzo, tutto saccheggiando e distruggendo. Essi però miravano specialmente a colpire la mia persona ed avevano avuto l'incarico di assassinarmi, come essi stessi
10v
si espressero. Son salvo per un vero miracolo. Mi separava da loro soltanto una sottile porta segreta, che essi non avvertirono e da cui furono allontanati grazie al contegno al tempo stesso prudente e risoluto di mia sorella".
Dopo di ciò, chinato umilmente al bacio della Sacra Porpora, con sensi di profondissima venerazione mi pregio confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 24. März 1919 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 240, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/240. Letzter Zugriff am: 17.09.2019.
Online seit 04.06.2012, letzte Änderung am 29.09.2014