Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 2539
Gasparri, Pietro an Pacelli, Eugenio
Rom, 27. Juni 1927

[Kein Betreff]
Cardinale Breslavia mi telegrafa quanto segue: Commissario vescovile Pollak sottopone da Praga seguente relazione in contradizione con le promesse fatte dal Ministro Hodza a Mons. Pacelli a Pollak e anche a Ministro Dollanscki [sic] di non lasciare toccare beni dotali Breslavia in contrapposizione anche colla promessa fatta dal presidente del Bodenamt stesso di lasciare in pace detti beni e di considerarli come un affare internazionale che non può essere toccato senza consenso Vaticano, Reich e partiti cattolici Repubblica. - S. V. R. gli faccia sapere: 1.) che non si scrivono cose segrete in telegrammi aperti; 2.) che S. Sede tenta difesa beni Breslavia, però si prevede con poco esito perché situazione S. Sede in Cecoslovacchia è molto delicata; 3.) piuttosto è necessario ed anche sarà più efficace azione Governo tedesco. S. V. I. poi sappia che Mons.  Steimann mi dice che Governo tedesco non intende agire perché non vuole compromettere accordo commerciale con Cecoslovacchia. V. S. I. quindi agisca sul Governo tedesco scopo smuoverlo.
Card. Gasparri
Empfohlene Zitierweise:
Gasparri, Pietro an Pacelli, Eugenio vom 27. Juni 1927 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 2539, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/2539. Letzter Zugriff am: 11.04.2021.
Online seit 25.02.2019