Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 3107
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
Berlin, 11. Juli 1926

Betreff
Viaggio a Colonia - L'Emo Cardinale Schulte e le trattative per il Concordato colla Prussia
Eminenza Reverendissima,
Invitato dall'Emo Sig. Cardinale Schulte, mi recai per la Festa dei SS. Apostoli Pietro e Paolo, accompagnato dal Consigliere di questa Nunziatura, a Colonia. La mattina del 29 celebrai in quel magnifico Duomo, gremito di popolo, una solenne Messa Pontificale, e nel pomeriggio benedissi la prima pietra del nuovo Seminario clericale in Bensberg. Sarà esso un ampio edificio, situato in una calma, ridente e salubre posizione, ove i chierici, che hanno compito già il corso filosofico-teologico nella Università di Bonn, rimarranno per due anni, raggiungendosi così il sessennio di studi prescritto dai sacri canoni. – Il giorno seguente, sempre per desiderio dell'Eminentissimo Arcivescovo, visitai i Convitti teologici di Bonn (Albertinum e Leoninum) e ne profittai per tenere a quei gio-
71v
vani un discorso, nel quale inculcai caldamente lo studio della filosofia e teologia scolastica secondo la mente dell'Angelico Dottore.
Questo viaggio a Colonia mi fornì anche una favorevole occasione per intrattenermi col sullodato Signor Cardinale intorno alle varie questioni relative al Concordato colla Prussia. Godo di poter comunicare a Vostra Eminenza che dal lungo colloquio avuto a tale scopo risultò una piena identità di vedute su tutti i punti. L'Eminentissimo anzi, ben sapendo come il Ministero del Culto cerca di seminar discordia e di mettere in opposizione il Nunzio coi Vescovi, i Vescovi fra di loro, i Capitoli e le Facoltà teologiche coi Vescovi, ecc., e conoscendo come non pochi (specialmente canonici, sacerdoti deputati, professori delle Facoltà teologiche, ecc.) s'immischiano indebitamente nelle trattative, dando così nuove armi in mano al Governo, mi ha espresso ripetutamente ed insistentemente il desiderio che la S. Sede diriga ai Revmi Vescovi della Prussia, o ad ognuno direttamente ovvero per mezzo dell'Emo Sig. Cardinale Bertram in occasione della prossima Conferenza episcopale di Fulda, una Istruzione strettamente confi-
72r
denziale, il cui tenore potrebbe essere, se così piacesse all'Eminenza Vostra, il seguente:
"E' ben noto ai Revmi Ordinari della Prussia essere le trattative circa i rapporti fra Chiesa e Stato riservate esclusivamente alla S. Sede come causae maiores nel senso del can. 220. In conformità di questa massima la S. Sede ha emanato in data del 18 Agosto 1925 anche per l'Italia la istruzione che 'ogni trattativa, sia ufficiale sia ufficiosa, di qualsiasi persona ecclesiastica, anche costituita in dignità, non esclusa la cardinalizia, col Governo italiano, non può essere né permessa né tollerata senza previa intesa col Cardinale Segretario di Stato'. Essendo quindi ora, come è risaputo, pendenti in Berlino negoziati fra il Nunzio Apostolico ed il Governo prussiano per la conclusione di un Concordato, la S. Sede stima conveniente1 di richiamare l'attenzione dei Revmi Ordinari – e per mezzo loro, in quanto sia del caso, degli ecclesiastici da essi dipendenti – sul principio surricordato, la cui osservanza è indispensabile, nell'interesse stesso della Chiesa in Prussia, per la unità di direzione ed il successo delle trattative. Naturalmen-
72v
te rimane libero ai Revmi Ordinari, come anche agli altri, di sottomettere in tale materia, sia direttamente che per il tramite del Nunzio Apostolico, opportune proposte e desideri alla S. Sede, la Quale li accoglierà con gratitudine e li prenderà in attento e benevolo esame. E' lasciato poi al prudente giudizio dei Revmi Ordinari di determinare in quale forma – sempre però sotto l'obbligo del segreto – sia espediente di2 portare3 quanto sopra a conoscenza degli ecclesiastici più specialmente interessati all'argomento".4
Chinato al bacio della Sacra Porpora, con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
1"conveniente" hds. vermutlich von Borgongini-Duca umrandet. Darüber hds. vermutlich von Borgongini-Duca "necessaria" eingefügt.
2"sia espediente di" hds. vermutlich von Borgongini-Duca eingeklammert. Darüber hds. vermutlich von Borgongini-Duca "deve" eingefügt.
3"portare" hds. vermutlich von Borgongini-Duca in "portarsi" geändert.
4"più specialmente interessati all'argomento" hds. vermutlich von Borgongini-Duca gestrichen. Unter "più specialmente" hds. vermutlich von Borgongini-Duca "da essi dipendenti" eingefügt.
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 11. Juli 1926 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 3107, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/3107. Letzter Zugriff am: 13.12.2019.
Online seit 29.01.2018