Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 334
Schioppa, Lorenzo an Gasparri, Pietro
München, 24. März 1920

Regest
Der bayerische Ministerpräsident Gustav Ritter von Kahr empfing Schioppa wärmstens. Nachdem dieser ihn über Pacellis Aufenthalt in Rom in Kenntnis gesetzt hatte, kreiste das Gespräch um die aktuelle politische Lage. Kahr habe seinen Regierungsantritt in einem schwierigen Moment für Bayern mit seinem patriotischen Pflichtgefühl begründet. Sein Vorhaben, Bayern wieder Stabilität zu verleihen, sei ihm geglückt, sowohl die Truppen als auch die Einwohner- und Sicherheitswehr stünden unter seiner Kontrolle und die Ruhe und Ordnung in Bayern würden nicht wieder gestört. Darüber hinaus habe Kahr seine Wertschätzung gegenüber der katholischen Kirche zum Ausdruck gebracht. Er gehe davon aus, dass Kirche und Staat harmonisch zusammenarbeiten müssen, und er werde sich weiterhin dafür einsetzen. So stehe er in guten Beziehungen zum Münchener Erzbischof Michael von Faulhaber, der sich in der Tat äußerst positiv über Kahr geäußert hatte. Schioppa legt dem Bericht die von Gasparri angewiesene Meldung aus dem "Bayerischen Kurier" bei, aus der hervorgeht, dass Pacelli zur Beerdigung seiner Mutter nach Rom gefahren sei und nach Ostern wieder nach München zurückkehren werde.
Betreff
Colloquio col Ministro Presidente Bavarese
Eminenza Reverendissima,
Stamattina sono stato ricevuto in udienza dal Signor Dr. von Kahr, Ministro Presidente, degli Interni e provvisoriamente (Cf. Rapporto N. 16102) degli Esteri, il quale mi ha accolto con deferente amabilità. Gli ho presentato gli ossequi di Monsignor Nunzio e gli ho comunicato (in conformità degli ordini impartitimi da Vostra Eminenza Reverendissima col telegramma in data del 22 corrente) che Monsignor Pacelli è trattenuto ancora a Roma per affari relativi alla Nunziatura, ma che immediatamente dopo Pasqua farà ritorno alla sua residenza.
Il Ministro ha ascoltato con interesse la detta comunicazione e mi ha incaricato di trasmettere i suoi omaggi a Monsignor Nunzio.
II discorso è poi caduto sulla situazione poli-
10v
tica attuale. Il Dr. von Kahr mi ha detto che, se si è indotto, alieno come è stato finora dalla politica, ad accettare il così grave incarico di capo del Governo, in un'ora tanto difficile, lo ha fatto per sentimento di dovere patriottico, e si è dichiarato contento fin da ora di poter credere che la prima parte del suo programma, quella cioè che si prefiggeva di ridonare la tranquillità e l'ordine al suo paese, è stata raggiunta. Egli reputa di avere nelle mani sia le truppe, come la guardia civica e quella di sicurezza, sicché ha fiducia che la tranquillità della Baviera non sarà di nuovo turbata.
Per ciò che riguarda la questione religiosa il Signor Ministro mi ha affermato che ha sempre creduto intimamente alla grande forza della Chiesa cattolica ed ha annesso una immensa importanza all'azione che essa può esercitare; ha affermato che fintanto starà al potere si farà guidare da questi suoi convincimenti; ed ha aggiunto che è persuaso che lo Stato e la Chiesa devono lavorare insieme, e farà che ciò accada nella più perfetta armonia, finché starà a capo del Governo, come ha fatto in tutto il tempo, in cui ha occupato altre cariche ufficiali. Ha tenuto, concludendo, ad informarmi delle ottime relazioni che sono passate e passano anche attualmente fra lui e Monsignor Arcivescovo di Monaco.
11r

In fatti pochi giorni fa Monsignor de Faulhaber mi aveva parlato del Dr. Kahr nei termini più lusinghieri.
In omaggio poi ai medesimi venerati ordini dell'Eminenza Vostra ho comunicato anche alla stampa il contenuto del sullodato telegramma ed ho l'onore di inviarLe qui unito il Nr. 83 del Bayerische Kurier (23 corrente) che porta la desiderata pubblicazione.
Chinato umilmente al bacio della Sacra Porpora, con sensi di profondissima venerazione mi pregio confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Obblmo devmo umilmo servo
Lorenzo Schioppa
Uditore
10r, hds. oben zentral: "Acc. ric col dispaccio N. 4755, del 5 aprile 1920 St. Eccl. 216X".
Empfohlene Zitierweise:
Schioppa, Lorenzo an Gasparri, Pietro vom 24. März 1920 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 334, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/334. Letzter Zugriff am: 27.01.2020.
Online seit 14.01.2013, letzte Änderung am 29.09.2014