Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 4090
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
Berlin, 10. Februar 1926

Betreff
Rapporti fra Chiesa e Stato nell'Hessen
Eminenza Reverendissima,
Nel Marzo 1924 il Ministro dell'Interno dell'Hessen, Sig.  von Brentano di Tremezzo, ed il Consigliere ministeriale Sig.  Kirnberger, ambedue cattolici, d'accordo col Revmo Mons.  Hugo, Vescovo di Magonza, mi manifestarono l'intenzione di esaminare la possibilità della conclusione di un Concordato e mi chiesero perciò un colloquio, che ebbe infatti luogo in Monaco la Domenica 13 del seguente mese di Aprile, ed in cui vennero scambiate le prime idee al riguardo. In seguito a ciò fu cominciato a preparare un primo progetto di Concordato sul modello di quello bavarese, adattato alle condizioni speciali dello Stato dell'Hessen. Esso mi venne trasmesso dal sullodato Mons. Hugo con foglio del 5 Ottobre 1924, al quale risposi ampiamente in data del
4v
24 dello stesso mese, facendo non poche osservazioni al riguardo e riservandomi di riferire e sottomettere il tutto all'Eminenza Vostra Reverendissima, appena il lavoro fosse stato sufficientemente maturo. Tali osservazioni furono dal più volte menzionato Vescovo comunicate e discusse coi due anzidetti Signori, come risulta dalla di lui lettera del 17 Dicembre 1924. L'idea della conclusione di un Concordato continuò ancora dopo le elezioni del nuovo Landtag (16 Novembre 1924), secondo che Mons. Hugo mi rendeva noto con due posteriori fogli del 22 Dicembre 1924 e del 21 Gennaio 1925, pur aggiungendo essere necessario per l'inizio dei formali negoziati di attendere la costituzione del nuovo Ministero. Con ulteriore lettera del 18 Aprile 1925 il medesimo Mons. Vescovo partecipavami che, dopo lunghi dibattiti e conflitti, il Gabinetto era stato nuovamente formato sulla base dell'antica coalizione fra Centro, democratici e socialisti; egli consigliava ancora di aspettare, prima di dar principio alle trattative concorda-
5r
tarie, che la posizione dei partiti fosse meglio chiarita ed alcune questioni concernenti le prestazioni finanziarie dello Stato alla Chiesa venissero risolute.
Con non lieve mia sorpresa ho quindi testè ricevuto una nuova comunicazione in data del 2 corrente, nella quale Mons. Hugo mi significava essere stata ormai abbandonata l'idea di un Concordato, avendo esso assai poca probabilità di essere favorevolmente accolto. Si preferisce invece di regolare la situazione giuridica della Chiesa, ed al tempo stesso altresì dei protestanti, nell'Hessen mediante una legge unilaterale dello Stato sul modello di quella del Württemberg (cfr. Rapporto Nr. 30561 del 20 Maggio 1924). Il sunnominato Consigliere ministeriale Sig. Kirnberger ha già quasi completamente redatto il relativo progetto ed ha convocato, per incarico del Ministro dell'Interno, Sig. von Brentano, una Commissione, incaricata di esaminarlo e prepararlo prima delle discussioni nel Governo e nella Camera.
5v
La Curia vescovile è rappresentata in detta Commissione dal Canonico della Cattedrale, Dr. Schmidt; anche il Canonico Lenhart appartiene ad essa quale Deputato del Centro. Finora ha avuto luogo una sola seduta, in cui sono state dibattute soltanto questioni generali, ma che sembra abbia già rivelato le difficoltà dell'impresa, giacchè i Capi della Chiesa locale protestante desiderano vivamente di lasciare gli affari ecclesiastici in larga misura nelle mani dello Stato e temono la indipendenza reclamata dai cattolici.
Checchè sia di ciò, parmi subordinatamente che, se ora anche l'Hessen, sull'esempio del Württemberg, regolasse unilateralmente i rapporti fra Chiesa e Stato, un tale modo di procedere farebbe scuola presso altri Paesi della Germania e renderebbe forse impossibile la conclusione di un Concordato colla Prussia. Perciò ho risposto subito a Mons. Vescovo di Magonza, esprimendogli le mie preoccupazioni al riguardo. Gli ho ricordato che la materia concernente i rapporti anzidetti è di esclusiva competenza della S. Sede, gli ho
6r
mostrato come la Curia vescovile ed i cattolici non avrebbero dovuto consentire a prender parte a discussioni per una legge unilaterale dello Stato in tale argomento senza previa intesa della S. Sede medesima, gli ho additato i pericoli di una simile condotta e l'ho pregato di sospendere ogni ulteriore pratica in proposito sino a che non mi siano giunte le istruzioni della S. Sede. Son sicuro che Mons. Hugo, Prelato esemplare e già alunno del Collegio Germanico-Ungarico in Roma, si atterrà in ogni caso fedelmente alle medesime.
Nel riferire pertanto quanto sopra all'Eminenza Vostra, La supplico di trasmettermi i Suoi venerati ordini circa la presente questione, mentre, chinato umilmente al bacio della Sacra Porpora, con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 10. Februar 1926 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 4090, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/4090. Letzter Zugriff am: 27.09.2020.
Online seit 29.01.2018, letzte Änderung am 26.06.2019