Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 4123
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
Rorschach, 19. November 1925

Betreff
Questione delle parrocchie di patronato dello Stato in Prussia
Eminenza Reverendissima,
Con ossequiato telegramma cifrato No. 124 del 29 Marzo c. a. l'Eminenza Vostra Reverendissima mi ordinò di autorizzare il Revmo Vescovo di Limburg ad ammettere la presentazione del Governo prussiano alle parrocchie già di patronato del Sovrano, però provvisoriamente e de facto e colla esplicita riserva che ciò non potrebbe costituire un precedente per il definitivo regolamento della questione.
Il sullodato Mons. Kilian non mancò di attenersi fedelmente a tale istruzione, nella lettera diretta il 31 Luglio al Prefetto superiore (Oberpräsident) di Cassel in occasione della provvista della parrocchia di Idstein. Questi però gli ha risposto con ufficio del 20 ottobre p. p. dichiarando che "il Governo prussiano mantiene il punto di vista che la Convenzione conchiusa il 5 Aprile 1873 ed approvata dal Sovrano il 7 Maggio dello stesso anno è ancora in
60v
vigore, e quindi la riserva espressa nella succitata lettera non può considerarsi come giustificata."
A maggior schiarimento di quanto sopra è opportuno di ricordare che la questione del patronato dello Stato sulle parrocchie della diocesi di Limburg fu già oggetto di controversia fra i Vescovi della diocesi medesima ed il duca di Nassau, il quale pretendeva un tale diritto su quasi tutte le parrocchie. Allorché nel 1866 la Prussia si annesse il territorio di quel Ducato, il Governo prussiano reclamò il giuspatronato su circa 54 parrocchie, mentre che il Vescovo, Mons. Pietro Giuseppe Blum ne contestò per la maggior parte dei casi il fondamento giuridico. Dopo lunghe trattative ed accurato esame dei dati storici e giuridici, si addivenne nel 1873 ad una Convenzione coll'anzidetto Governo, nella quale il Vescovo Mons. Blum riconobbe il patronato regio su 28 parrocchie, riservandosi però di sottomettere tale accordo alla S. Sede. Se ciò sia in realtà avvenuto, non risulta, a quanto mi riferisce Mons. Kilian, dagli Atti di quella Curia vescovile; ma a norma di detta Convenzione hanno poi proceduto sempre gli Ordinari di Limburg.
61r
Ora il prelodato Vescovo mi comunica che vacheranno prossimamente due parrocchie riconosciute nella più volte menzionata Convenzione come di giuspatronato e chiede se egli debba rinnovare la surriferita riserva.
A me sembra subordinatamente che a simile quesito debba darsi una risposta assolutamente affermativa; ho creduto tuttavia necessario d'implorare prima le venerate istruzioni dell'Eminenza Vostra, in attesa delle quali m'inchino umilmente al bacio della S. Porpora e con sensi di profondissimo ossequio ho l'onore di confermarmi
Dell'Eminenza Vostra Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
1Protokollnummer rekonstruiert nach Informationen aus Dokument Nr. 3113.
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 19. November 1925 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 4123, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/4123. Letzter Zugriff am: 22.08.2019.
Online seit 24.06.2016, letzte Änderung am 10.09.2018