Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 4226
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
München, 25. September 1920

Regest
Pacelli berichtet über die unter dem Titel "Erlebnisse im Weltkrieg" erschienen Memoiren Erzbergers. Der Nuntius betont teilweise sarkastisch die Fülle von Ereignissen, in die Erzberger behauptet involviert gewesen zu sein, und die damit zusammenhängende Selbstgerechtigkeit desselben. Er hält das Buch weder für sorgfältig geschrieben noch für tiefgreifend, nichtsdestoweniger erscheinen ihm einige Begebenheiten, soweit sie vertrauenswürdig sind, sehr interessant. Nach Pacellis Ansicht bezweckt das Buch auch die persönliche Rechtfertigung des Autors im Fall der Denkschrift des Grafen Czernin für Kaiser Karl I. von Österreich vom 12. April 1917. In die Kapitel, in denen der Heilige Stuhl und der Papst vorkommen, durfte Pacelli vor der Veröffentlichung Einsicht nehmen und entsprechende Korrekturen beziehungsweise Streichungen verlangen, etwa an dem Punkt, an dem der Autor in der ursprünglichen Version behauptet hatte, der Heilige Vater habe den Eintritt Italiens in den Krieg zu verhindern versucht. Entfernt wurden auch die Passagen über das päpstliche politische Engagement, um dieses ausschließlich auf das wohltätige zu begrenzen, und diejenigen über Monsignore Gerlach, sowie die vom Verfasser behaupteten Kontakte des Heiligen Stuhles mit ihm bei seinem Versuch, die Römische Frage zu lösen. Nach Absprache mit Gasparri musste Pacelli Erzberger auch um die Streichung des Hinweises auf seinen Besuch in Berlin von Juli 1917 bitten, was Erzberger schweren Herzens befolgte. Der Nuntius bedauert, dass er nicht noch weitere Kapitel habe lesen dürfen, die er ebenfalls hätte verändert sehen wollen. Es handelt sich besonders um das Kapitel IV in Bezug auf die Bitte des Papstes an den Kaiser, sich zu engagieren, um den Frieden zwischen Österreich und Italien zu erhalten, und das Kapite XVI über die erbetene Vermittlung des Heiligen Stuhles in der belgischen Frage. Pacelli zeigt sich insgesamt zufrieden mit dem Ergebnis und lobt die Vertrauenspersonen, über die er Einfluss auf Erzberger in der Sache nehmen konnte, Professor Hubert Bastgen und Pater Cölestin Schwaighofer von Deggendorf.
Betreff
Sulle Memorie di Erzberger
Riservato
Eminenza Reverendissima,
Le attese Memorie dell'ex-Ministro Erzberger sono testé venute alla luce. Egli, come spiega nel Proemio, le ha intitolate "Erlebnisse im Weltkrieg" e non "Meine Erlebnisse im Weltkrieg" (Mie memorie sulla guerra mondiale), perché, a suo avviso, non è ancor giunta l'ora di dare alla pubblicità tutti i suoi ricordi. Impellenti ragioni politiche e personali, egli dice, lo hanno obbligato a tale riserbo (veramente in lui insolito). L'Erzberger ha preso o pretende di aver preso parte a tutte le più svariate questioni aventi connessione coll'immane conflitto, dall'entrata in guerra dell'Italia alla questione armena, dalla Rumania e dalla Bulgaria alla Polonia ed alla Lituania, dalla guerra sottomarina ai diversi tentativi di pace ed alla conclusione dell'armistizio; ha trattato con tutti, è stato dovunque <dapertutto>1 [sic],
359v
eccetto che sui campi di battaglia, e di tutto quindi parla nel suo libro di 396 pagine, comprendente venticinque capitoli e scritto in meno di un mese. Esso non contiene nulla di sostanzialmente nuovo, non è accurato né profondo, ed apparisce piuttosto come una narrazione non organica di avvenimenti staccati gli uni dagli altri; tuttavia rivela non pochi particolari ed episodi, i quali (sebbene, dato il carattere dell'Erzberger, sarebbe difficile di poter dire con certezza sino a qual punto meritino fede) non mancano di notevole interesse. L'autore ha avuto anche in mira la propria difesa contro le accuse mossegli dagli avversari, tra cui gravissima quella che per di lui indiscrezione l'Intesa sia venuta a conoscenza, con incalcolabile danno per gl'Imperi centrali, del famoso Memoriale del Conte Czernin all'Imperatore Carlo del 12 Aprile 1917, di cui l'Erzberger diede lettura nella riunione del Partito del Centro in Francoforte sul Meno alla fine di Luglio di quello stesso anno; questo punto egli tratta ampiamente nel Capitolo X intitolato "In Wien" (In Vienna), nel quale racconta tra l'altro, come egli avrebbe avuto per la prima volta visione di quel documento (a cui non si diede, a suo parere, in Germania l'attenzione e l'importanza dovuta) dal relatore per gli affari dell'Austria-Ungheria nel Ministero
360r
degli Esteri, che era a quel tempo il Sig. von Bergen, ora Ambasciatore di Germania presso la S. Sede. Il libro contiene censure spesso aspre contro gli errori politici e l'incosciente ottimismo, sordo alle voci ammonitrici, del Governo dell'Impero durante la guerra, e soprattutto contro i pangermanisti e le Autorità militari; il Capitolo IV "Beim Kaiser" (Dal Kaiser) è assai poco lusinghiero per l'ex-Imperatore Guglielmo II. – Drammatica, pur nella semplicità della forma, è la narrazione del viaggio a Compiègne per l'armistizio (Capitolo XXIII).
I Capitoli, in cui era principalmente questione della S. Sede e che mi furono in precedenza mostrati, come ebbi l'onore di riferire all'Eminenza Vostra <Reverendissima>2 nel mio rispettoso Rapporto Nr. 17025 in data del 15 Giugno scorso, sono il II, il III, l'XI ed il XX, ed in essi occorre riconoscere che egli, in sostanza, ha sufficientemente (a quanto mi sembra) eseguito le soppressioni e le correzioni da me richiestegli.
Nel Capitolo II dal titolo "Vor Italiens Eintritt in den Weltkrieg", il quale nella sua prima redazione era oltre ogni dire compromettente per la Augusta Persona del
360v
S. Padre, è stato tolto tutto ciò che riguardava la parte che, secondo l'Autore, Sua Santità avrebbe avuto nei tentativi per impedire l'entrata dell'Italia nella guerra mondiale, e da cui si sarebbe concluso che la S. Sede lavorava nel senso dei neutralisti in unione e d'accordo coll'Erzberger. – Egualmente, quanto alle Udienze pontificie avute dall'Erzberger (le quali non era possibile di ottenere che fossero totalmente soppresse), è rimasto nel Capitolo III "Im Vatikan" (In Vaticano) soltanto ciò che riguarda le cose puramente religiose ed ecclesiastiche (per cui pure richiesi varie modificazioni) o l'azione caritatevole della S. Sede, mentre è stato eliminato quanto concerneva la politica. Di questa è restato un accenno alla nota intervista del Wiegand, ma ristretto a quel che fu già a suo tempo pubblicato sull'argomento. Nel Capitolo medesimo è stata pure soppressa tutta una parte relativa a Mons.  Gerlach. – Il Capitolo XI "Die Römische Frage" espone bensì largamente i vari fantastici progetti da lui ideati, senza dubbio colle migliori intenzioni, per risolvere la questione romana, ma, grazie alle correzioni da me domandategli, sono state omesse le comunicazioni e risposte che egli diceva di aver ricevuto dalla S. Sede, la quale così rimane estranea ai di lui piani ed alla di lui azione al riguardo. – Finalmente nel Capitolo XX "Die päpstliche Friedensvermittlung" (La mediazione di pace
361r
pontificia)
, già da me trasmesso all'Eminenza Vostra col suddetto Rapporto Nr. 17025, ho ottenuto, in conformità colle istruzioni impartitemi nell'ossequiato Dispaccio Nr. B=7626 in data del 26 Giugno scorso, che del mio secondo viaggio a Berlino nel Luglio 1917 non venisse fatto se non un brevissimo cenno generico. Mi è stato riferito che la soppressione di tutto il brano concernente questo argomento è costata all'Erzberger molto sacrificio e che egli è stato assai combattuto ed incerto prima di risolversi, come infine ha fatto, ad attuarlo.
In altri Capitoli, i quali non mi furono da lui inviati, si trovano alcuni punti, che, se fossero stati da me prima conosciuti, avrebbero avuto lo stesso trattamento. Così, ad esempio, nel citato Capitolo IV "Beim Kaiser", egli narra di avere partecipato a Guglielmo II nella Udienza del 1° Marzo 1915 "la preghiera del Papa, che il Kaiser usasse tutta la sua influenza per mantenere la pace fra l'Austria e l'Italia, come il S. Padre da parte sua si era adoperato in ogni modo e continuerebbe ad adoperarsi a tal fine. Il Kaiser acquisterebbe, a giudizio del Papa, meriti immortali al tempo stesso verso l'Impero germanico, l'Austria e l'Italia, se gli riuscisse di conservare la pace... Il Kaiser fu molto lieto dei benevoli sentimenti del Papa ed assicurò l'Erzberger ripetutamente che era molto riconoscente verso Sua Santità per tutto ciò, che durante la guerra aveva fatto nell'interesse del popolo tedesco. Aggiunse esser ben pronto ad agire
361v
nel senso desiderato dal Papa e che avrebbe con ogni risolutezza fatto passi in Vienna, per raggiungere un'intesa fra l'Austria e l'Italia; egli sperava di ottenerla, per quanto infondati e fuori di proposito fossero i desideri dell'Italia. Assai irritato egli si espresse circa il Re d'Italia..." – Parimenti nel Capitolo XVI sul "Belgio" l'Erzberger parla di tentativi della S. Sede per una intesa fra il Belgio e la Germania. "L'affare (egli narra tra l'altro) prese nella primavera del 1916 un nuovo aspetto, allorché da alcuni suggerimenti dati da un parente del Re del Belgio si poté in Roma dedurre che la Corte belga non sarebbe stata aliena da un accordo colla Germania. Tutto naturalmente dipendeva dalle condizioni di pace, che questa presenterebbe alla Germania. – Il 6 Maggio 1916 (continua l'Erzberger) potevo far conoscere alla S. Sede, d'incarico del Governo dell'Impero, che al medesimo era sommamente gradito qualunque intervento della S. Sede nella questione belga, come in generale nelle questioni relative alla pace. Il Governo tedesco era anche pronto ad entrare immediatamente in uno scambio di vedute con Sua Maestà il Re del Belgio per il nuovo regolamento della questione belga. In considerazione della complicata natura di essa, il Governo germanico stimava che sarebbe stato opportuno, se Sua Santità avesse avuto la grande bontà d'inviare segretamente in Germania una persona di fiducia, colla quale si sarebbero potute trattare tutte le questioni pendenti, oltre la belga. Il Governo sperava che ciò avrebbe potuto costi-
362r
tuire un notevole passo verso l'avviamento della pace mondiale. Alla Corte belga però sorsero serie difficoltà, poiché il Gabinetto belga non era concorde nelle sue vedute...". – Altri accenni alla S. Sede si trovano pure, ad esempio, nel Capitolo VII sulla Terra Santa e nell'VIII sulla Bulgaria, ma sono, a quanto parmi, di minore importanza. Nel Capitolo VI sulla questione arme na si accenna alle sollecitudini del S. Padre a favore di quelle infelici popolazioni, e nel Capitolo XXII intitolato "Der militärische Zusammenbruch" (Il crollo militare) si allude a proposte avanzate dall'Erzberger, che però non ebbero seguito, di invocare in quei critici momenti la mediazione di Sua Santità per la pace.
In sostanza, la S. Sede, se non erro, può essere abbastanza soddisfatta dell'esito avuto dalla cosa e della condiscendenza dimostrata, malgrado tutto, dall'Erzberger; il che torna senza dubbio a sua lode, per quanto possa essere stato spinto anche dal timore di smentite e di deplorazioni da parte della S. Sede medesima. – Gratitudine meritano pure il Revmo. P.  Celestino da Deggendorf, che dietro mia viva preghiera si recò personalmente da lui per esortarlo ad essere nel suo libro riservato nei riguardi della Santa Sede, e principalmente il Sac. Prof. Uberto Bastgen, già alunno dell'[ein Wort unlesbar] <Accademia dei Nobili Ecclesiastici in Roma>3, il quale in tutto questo affare è stato intermediario fra me e l'Erzberger (di cui è amico) ed ha insistito presso di lui perché effettuasse le correzioni da me reclamate.
Nel riferire quanto sopra all'Eminenza Vostra m'in-
362v
chino umilmente al bacio della Sacra Porpora e con sensi di profondissima venerazione mi pregio confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
1Hds. eingefügt undgestrichen: "dovunque".
2Hds. eingefügt, vermutlich von Pacelli.
3Hds. eingefügt und gestrichen, vermutlich von Pacelli.
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 25. September 1920 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 4226, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/4226. Letzter Zugriff am: 09.12.2019.
Online seit 14.01.2013, letzte Änderung am 29.09.2014