Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 15600
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
Berlin, 05. April 1926

Betreff
Trasmettesi lettera, con allegato, del Sig. Mario Pomarici
Eminenza Reverendissima,
Il Sig. Mario Pomarici, implicato nel noto processo Gerlach, è venuto tre volte da Mons. Consigliere di questa Nunziatura per esporgli a voce la penosa situazione nella quale si troverebbe, e per implorare un sussidio di Marchi settecento che valga a mantenere per due mesi lui e la sua famiglia, ed a sollevarlo dalle sue gravi preoccupazioni momentanee.
Atteso le speciali circostanze e gli urgenti bisogni narrati, gli feci rimettere un sussidio di Marchi cinquanta e significare in pari tempo come, a causa delle innumerevoli suppliche che giungono a questa Nunziatura e dei mezzi limitati di cui essa dispone, non potevo, senza una speciale superiore autorizzazione, venirgli maggiormente in aiuto.
In seguito a ciò il Pomarici mi ha diretto il 3 corrente la qui acclusa lettera <(Allegato I)>1 nella quale, dopo
127v
aver confermato la sua dolorosa condizione e chiesto nuovamente l'aiuto in parola, soggiunge: "Ho creduto di appellarmi alla sua pietà prima di essere costretto a far ciò che, dato i tempi in cui viviamo, possa dispiacere alla Santa Sede".
Per chiarire meglio queste parole mi occorre di far presente all'Eminenza Vostra Reverendissima come il Pomarici dichiarò a Mons. Consigliere nei suoi colloqui che, qualora non potesse ottenere prontamente il necessario richiesto soccorso, non gli rimaneva altro per uscire da questo infelice stato, che suicidarsi o costituirsi alle Autorità italiane, aspettando nel carcere il processo. Aggiunse altresì come suo padre avesse, per mezzo di Gabriele D'Annunzio, implorato recentemente per lui la grazia sovrana e ne avesse ricevuto la qui unita risposta <(Allegato II)>2 del Ministero di Grazia e Giustizia, Nr. 3222/8852, in data del 30 Novembre 1925. Mi è stato poi riferito che il Pomarici vuole ora regolare la sua unione mediante il matrimonio religioso, che dovrebbe aver luogo Domenica prossima, 11 corr. mese.
Tanto ho creduto di dover, per ogni buon fine, comunicare all'Eminenza Vostra, e in attesa delle Sue superiori
128r
istruzioni in merito alla domanda in discorso, mi inchino umilmente al bacio della Sacra Porpora e con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
1"(Allegato I)" hds. von Pacelli eingefügt.
2"(Allegato II)" hds. von Pacelli eingefügt.
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 05. April 1926 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 15600, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/15600. Letzter Zugriff am: 17.08.2019.
Online seit 29.01.2018