Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 15634
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
Berlin, 24. Oktober 1926

Betreff
Colloquio col Ministro cecoslovacco Sig. Hodza
Eminenza Reverendissima,
Ieri in Dresda, dalle ore 10 alle 11 3/4 antim. in una sala riservata dell'Hôtel "Europäischer Hof", messa cortesemente a mia disposizione dal Direttore generale Sig.  Rücker, ebbi col Ministro cecoslovacco del Culto, Sig.  Hodza , (che venne sotto altro nome), il colloquio, cui riferivasi il mio rispettoso telegramma cifrato N. 491 del 17 corrente. Dopo i soliti convenevoli, il Sig. Ministro mi disse che sarebbe stato ben lieto di conoscere per mio mezzo i desideri e le vedute della S. Sede circa le varie questioni concernenti la Chiesa cattolica nella Cecoslovacchia. Da parte mia, non potei che richiamare l'attenzione del Sig. Ministro sulla mia incompetenza in tali materie, e dopo aver espres-
31v
so in termini generalissimi l'augurio personale che sia possibile di ristabilire normali relazioni fra la S. Sede e quella Repubblica, aggiunsi che mi sarebbe perciò riuscito particolarmente interessante di apprendere il punto di vista dell'attuale Gabinetto al riguardo. Il Sig. Hodza parlò allora lungamente della formazione e delle direttive del medesimo. Mentre sino a non molto tempo fa la politica del Governo cecoslovacco era dominata da correnti assai radicali, l'attuale Ministero ha tendenze conservatrici e rispettose della religione. Egli stesso, sebbene protestante-luterano, apprezza grandemente la potenza morale della Chiesa cattolica e le ragioni di Stato, che consigliano ad usare verso di essa speciali riguardi. Il Sig. Benes, è rimasto Ministro degli Esteri perché appoggiato dal Presidente Masaryk, quantunque il partito nazionale socialista, cui appartiene, si trovi ora all'opposizione. Per il consolidamento, però, della presente coalizione governativa è indi-
32r
spensabile la partecipazione del partito popolare cattolico della Slovacchia, il cui capo, Sac. Hlinka, tornato ora dall'America, ove ha pronunziato molti discorsi politici, è uomo impressionabile e non equilibrato. Per questo motivo, e siccome la decisione in proposito dovrà prendersi nei prossimi giorni, il mio interlocutore mi espresse l'urgente desiderio che la S. Sede faccia a lui pervenire dei consigli di moderazione nelle sue pretese circa l'autonomia. Di ciò ho dato oggi stesso comunicazione all'Eminenza Vostra Reverendissima coll'ossequioso cifrato N. 492.
Riprendendo io la parola, feci rilevare al Sig. Ministro che, per quanto mi sembrava di dover dedurre da varie pubblicazioni dell' Osservatore Romano , la questione pregiudiziale per la ripresa di normali rapporti era quella dell'intervento ufficiale dello Stato negli annuali festeggiamenti per Hus, i quali avevano pur troppo assunto un carattere apertamente anticattolico. Il Sig. Hodza mi rispose che l'attuale
32r
Gabinetto, ora appena costituito, non aveva ancora potuto esaminare questo grave punto, ed aggiunse essere esso al di fuori della sua competenza come Ministro del Culto; ebbi tuttavia, salvo errore, l'impressione che forse egli non sarebbe alieno a dare alla S. Sede la necessaria soddisfazione. Supposta la soluzione dell'anzidetta questione pregiudiziale, chiesi al Sig. Ministro delicatamente che cosa egli pensasse circa l'eventuale ritorno a Praga del Nunzio, ed in particolare del così egregio e stimato Rappresentante Pontificio, Eccmo Mons. Marmaggi; il Sig. Hodza replicò senza esitazione che non vi era contro la persona del sullodato Prelato alcuna obbiezione.
Soggiunse che il giorno avanti erasi recato a visitarlo il Revmo Mons. Arata, il quale gli disse di essere informato del nostro incontro; il medesimo Monsignore aveva manifestato l'idea che avrebbe potuto concludersi un "trattato" fra la S. Sede ed il Governo cecoslovacco. Il Sig. Ministro, prendendo lo spunto
33r
da questa idea, cui mostravasi non sfavorevole, parlò della vertenza relativa ai beni del Primate di Ungheria situati in Cecoslovacchia; punto di sua competenza e che esige, a suo avviso, una sollecita soluzione. Dichiarò esplicitamente di esser pronto a trasmettere tali beni; ma la questione è di vedere a chi essi possano essere legalmente rimessi. Non direttamente a Mons. Bubnics, perché non è riconosciuto dal Governo; non a Mons. Jantausch, per la stessa ragione; non a Mons. Blaha, perché, sebbene egli sia riconosciuto, non lo sarebbero i suoi mandatari, vale a dire i Revmi Vescovi. Occorre trovare una formula per superare questa difficoltà giuridica. Egli ha pensato – e presenterà alla S. Sede la relativa proposta seguente: I beni verrebbero rimessi alla S. Sede, la quale nominerebbe alla sua volta un suo rappresentante, incaricato delle trattative. Egli volle sembrare di non insistere sul nome di alcun Vescovo a tale scopo; tuttavia, mentre si espresse in termini lusinghieri riguardo al Revmo Mons. Bubnics, che disse Prelato intelligente ed energico, mostrò di non ritenere
33v
adatto il Revmo Mons. Jantausch, col quale sembrami, se ho ben compreso, che difficilmente sarebbe disposto a trattare. Il Sig. Hodza si manifestò pure propenso ad accogliere il desiderio del Primate di Ungheria, il quale desidera di poter vendere liberamente i suoi beni nel modo che meglio gli convenga. Intanto egli si propone di costituire una Commissione di liquidazione, cui apparterebbe una persona di fiducia di Mons. Bubnics, la quale verrebbe nominata dal Ministro dopo previo accordo con lui. – Il Sig. Hodza soggiunse tuttavia che, se egli è propenso alle anzidette concessioni, un simile trattamento dovrebbe, per ragione di reciprocità, essere fatto ai beni della diocesi di Cassovia, situati in Ungheria; chiese anzi che i confini delle diocesi coincidano con quelli dello Stato cecoslovacco, giacché in tal guisa il Governo potrebbe meglio difendere dinanzi alla pubblica opinione la sua condiscendenza rispetto ai beni ecclesiastici. In mancanza di superiori istruzioni, pur accennando in modo generale ad eventuali difficoltà, che questa ultima domanda
34r
avrebbe potuto incontrare, mi astenni dal pronunciarmi al riguardo; mi parve invece opportuno, come Nunzio in Germania, di raccomandare al Sig. Ministro la sorte dei beni della diocesi di Breslavia in Cecoslovacchia, ed egli mi assicurò che non pensa di toccarli e che il suesposto si riferiva soltanto a quelli del Primate di Ungheria. Il pericolo per le suddette proprietà di Breslavia esisteva finché vi è stato un Ministro del Culto socialista, ma ora non si parla di tale argomento. Il Sig. Hodza, nel congedarsi, manifestò la sua soddisfazione per l'avuto colloquio.
Chinato umilmente al bacio della Sacra Porpora, con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
P. S. Avevo appena scritto questo rispettoso Rapporto, allorché e venuto a visitarmi il Revmo Sac. Pollak,
34v
il quale è incaricato dall'Emo Sig. Cardinale Bertram della gestione dei beni della diocesi di Breslavia. Venuto iersera da Praga, si è creduto in dovere di significarmi in stretto segreto, che circolano colà voci assai sfavorevoli a carico del Conte Palffy, il quale viene incolpato di relazioni con una donna di dubbia fama, Signora von Einem, e di loschi affari. In seguito a tale inaspettata notizia mi propongo di troncare qualsiasi relazione col detto Conte, da me conosciuto già come Consigliere dell'Ambasciata Austro-Ungarica presso la S. Sede, ed il quale godeva allora in Roma generale stima. Da quell'epoca non avevo avuto più con lui alcun rapporto. Egli dimora attualmente in Praga (Palace Hotel).
34v, links neben dem Textkörper hds. von Borgongini-Duca notiert: "freddezza e riserbo".
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 24. Oktober 1926 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 15634, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/15634. Letzter Zugriff am: 11.04.2021.
Online seit 29.01.2018, letzte Änderung am 26.06.2019