Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 1095
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
München, 01. Dezember 1922

Regest
Pacelli bestätigt den Empfang des verschlüsselten Telegramms vom 30. Juli 1922 über den Umgang mit dem sowjetrussischen Botschafter in Berlin Krestinskij. Er berichtet, dass Krestinskij zwar dem Reichspräsidenten Ebert sein Beglaubigungsschreiben übergeben habe, aber ihm als Doyen des diplomatischen Korps entgegen der üblichen Praxis weder die Übergabe der Beglaubigungsschreiben schriftlich angezeigt, noch um eine Audienz gebeten habe, weshalb er ihm noch nicht persönlich begegnet sei. Daneben teilt der Nuntius mit, was er hinsichtlich der Position der anderen Mitglieder des diplomatischen Korps zum sowjetischen Botschafter in Erfahrung bringen konnte. Anschließend gibt Pacelli ungesicherte Informationen über angebliche Verwicklungen sowjetischer Botschaftsangestellter in die ungarische Räterepublik unter Béla Kun wieder. Weiterhin berichtet er, dass er während seines letzten Berlin-Aufenthalts im Oktober den Protokollchef des Auswärtigen Amtes von Gülich darauf aufmerksam gemacht habe, dass er an Krestinskij keine Einladung für den anstehenden Neujahrsempfang beim Reichspräsidenten richten könne, weil er noch keinen Kontakt zu ihm aufgenommen habe. Krestinskij erklärte sich gegenüber von Gülich dazu bereit, Pacelli zu treffen bzw. ihm die übliche Note zu senden, doch bat er über den Protokollchef um die Versicherung einer Empfangsbestätigung. Pacelli ersucht um entsprechende Instruktionen.
Betreff
Sull'Ambasciata della Repubblica dei Soviety in Berlino
Eminenza Reverendissima,
Mi pervenne regolarmente a suo tempo il venerato telegramma cifrato N. 25, col quale l'Eminenza Vostra Reverendissima si compiacque di impartirmi le implorate istruzioni circa l'attitudine da tenere verso il Rappresentante diplomatico della Repubblica dei Soviety in Berlino.
In realtà il Sig. Krestinski presentò non molto dopo al Sig.  Presidente del Reich le credenziali che l'accreditavano ufficialmente in qualità di Ambasciatore della menzionata Repubblica; ma, non avendomi egli, contrariamente all'uso qui praticato dai nuovi Capi-Missione verso il Decano del Corpo diplomatico, diretto la consueta lettera per notificarmi detta presentazione e chiedere una udienza, non avevo avuto sinora alcuna
53v
occasione di entrare in rapporti con lui. Durante la mia breve permanenza in Berlino nello scorso mese di Ottobre, essendomi incontrato cogli Ambasciatori d'Inghilterra, di Francia e di Spagna e col Ministro di Svizzera, chiesi loro se avevano fatto la conoscenza del Collega russo; tutti mi risposero negativamente, ed anzi i tre ultimi aggiunsero che essi non potevano avere relazione con lui, non avendo i loro rispettivi Governi riconosciuto la Repubblica dei Soviety. Ho tuttavia letto sui pubblici fogli che in un ricevimento diplomatico dato nel Luglio scorso dall'Ambasciata bolscevica in Berlino – ricevimento che per la pompa e lo splendore avrebbe eclissato quelli già così sontuosi dell'antica Ambasciata imperiale al tempo degli Czar – intervennero gli Ambasciatori d'Italia e del Giappone, e che ad un altro ricevimento in onore dell'anniversario della rivoluzione russa nel passato Novembre avrebbero assistito i Ministri del Belgio, della Svezia, della Norvegia, della Olanda, della Estonia e della Czeco-Slovacchia; ma non ho potuto sinora appurare la verità di tali notizie.
Circa la composizione del personale dell'Ambasciata in discorso, mi è stato testé narrato da un funzionario del Ministero degli Esteri di Berlino che sarebbero
54r
ad essa addetti ufficialmente vari ex-Commissari del Governo bolscevico in Ungheria dell'epoca di Bela Khun [sic], i quali si resero allora colpevoli delle più atroci crudeltà verso ecclesiastici e specialmente verso religiose; ma anche questo non mi consta finora con assoluta certezza.
Checché sia di ciò, durante l'ultima anzidetta mia permanenza in Berlino, ebbi occasione di intrattenermi col Capo del protocollo nel Ministero degli Esteri Sig.  von Gülich circa il ricevimento del Corpo diplomatico presso il Presidente del Reich per il prossimo Capodanno.
Essendo caduto il discorso sull'Ambasciatore della Repubblica dei Soviety, gli feci confidenzialmente osservare che mi sarebbe stato difficile di inviare anche a lui la circolare d'invito a detto ricevimento, non avendomi egli dato alcuna partecipazione, e soggiunsi che, stando così le cose, sembrava più conveniente che l'Ambasciatore stesso venisse invitato direttamente dal Ministero degli Esteri. Ora però il medesimo Sig. von Gülich mi ha indirizzato in data del 28 Novembre p. p. una lettera, nella quale, dopo aver ricordato questo precedente, così continua: "Ho creduto di agire nel senso di V. E., portando, in una visita al
54v
Sig. Ambasciatore Krestinski, la conversazione su tal punto e manifestandogli il di Lei modo di vedere. Il Signor Ambasciatore ha risposto che egli ben volentieri visiterebbe V. E. in Berlino. Avendo io notato essere assai dubbio che V. E. venga qui prima della fine dell'anno, il Sig. Krestinski ha replicato che sarebbe egualmente volentieri disposto a comunicare per iscritto a V. E. aver egli assunto la direzione dell'Ambasciata, aggiungendo tuttavia che desidererebbe di esser certo che V. E. non lascerebbe questa comunicazione senza risposta, ma accuserebbe ricevimento della sua lettera. – La prego quindi di significarmi, se posso dare al Sig. Krestinski a nome di Vostra Eccellenza una tale assicurazione".
Sebbene nel sullodato telegramma N. 25 l'Eminenza Vostra mi avesse già dato ordine di riconoscere il Rappresentante diplomatico della Repubblica dei Soviety accreditato presso il Reich, pur senza usare verso di lui eccessive attenzioni, mi permetto ciò nondimeno, data la delicatezza dell'argomento, di supplicarLa a volersi degnare d'impartirmi colla maggior possibile sollecitudine le Sue superiori istruzioni circa la menzionata domanda del Sig. von Gülich, mentre chinato umilmente al bacio della Sacra Porpora, con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
53r, hds. am rechten oberen Seitenrand von unbekannter Hand notiert: "R. C C.".
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 01. Dezember 1922 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 1095, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/1095. Letzter Zugriff am: 19.09.2019.
Online seit 31.07.2013, letzte Änderung am 25.04.2017