Document no. 1083
Pacelli, Eugenio to Gasparri, Pietro
Munich, 29 August 1923

Summary
Pacelli berichtet, dass im Kontext der Freilassungsforderungen für Felix Fechenbach die Polemiken über das 1919 veröffentlichte Telegramm des bayerischen Gesandten beim Heiligen Stuhl Ritter zu Groenesteyn an die bayerische Regierung anhalten, und übersendet einen in der "Neuen Zürcher Zeitung" erschienenen Artikel Hellmut von Gerlachs. Gerlach wirft die Frage nach einer Mitverantwortung des Vatikans oder Ritter zu Groenesteyns am Kriegsausbruch auf und fordert eine erklärende Stellungnahme des Heiligen Stuhls.
Subject
Ancora sul telegramma di S. E. il Barone de Ritter (24 Luglio 1914)
Eminenza Reverendissima
Le spiacevoli polemiche intorno al telegramma di cotesto ottimo Ministro di Baviera, Sig. Barone de Ritter, del 24 Luglio 1914, dirette principalmente ad ottenere la liberazione dell'antico Segretario particolare di Kurt Eisner, Fechenbach, non accennano ancora a terminare. Il giornale di Zurigo "Neue Zürcher Zeitung" N. 1149 del 24 corrente (cfr. Allegato) pubblica al riguardo un aspro articolo del noto pubblicista di Berlino von Gerlach, il quale trova il telegramma stesso, massime nell'intiero testo originale, assai compromettente per la S. Sede e pretende di dimostrare che esso ha avuto una non lieve influenza nello scoppio della guerra. "Vi sono soltanto due possibilità (aggiunge egli poi): O il telegramma rispecchia correttamente il pensiero del Papa di quel tempo, ed allora il Vaticano ha una parte rilevante di correità nello scatenamento della guerra mondiale. O il Sig. von Ritter ha, coscientemente o per grossolana negligenza, attribuito al Papa parole che non ha dette, e allora egli sarebbe
67v
uno dei peggiori colpevoli della guerra stessa". Data la prudente riservatezza che il Vaticano suole osservare in tutte le questioni politiche, le quali non toccano direttamente gl'interessi della Chiesa cattolica, il Gerlach inclina a priori ad ammettere piuttosto la seconda ipotesi che la prima, e conclude: "Tutto ciò che riguarda la colpa nello scoppio della guerra, interessa la intiera umanità. Essa ha diritto di sapere su chi ancora ricade una notevole parte di responsabilità nello scatenamento della guerra. È il Vaticano uno dei correi? Tocca ad esso di esprimersi chiaramente intorno al telegramma del Ritter".
Chinato umilmente al bacio della Sacra Porpora, con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
Recommended quotation
Pacelli, Eugenio to Gasparri, Pietro from 29 August 1923, in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', document no. 1083, URL: www.pacelli-edition.de/en/Document/1083. Last access: 02-03-2024.
Online since 24-10-2013, last modification 25-02-2019.