Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 5923
Gasparri, Pietro an Pacelli, Eugenio
Vatikan, 30. November 1922

Regest
Die Vertretung der päpstlichen Hilfsmission in Russland in Krasnodar bat um dringend benötigte medizinische Hilfsgüter, für deren Anschaffung in Deutschland Gasparri eine Million Lire in Eigenwechseln der italienischen Notenbank beilegt. Die sowjetische Handelsvertretung in Rom schlug vor, den Arzt des russischen Roten Kreuzes Sceftel mit dem Kauf der Güter und ihrem Transport in das Kuban-Gebiet zu betrauen. Gasparri informierte bereits die deutsche Botschaft und die polnische Gesandtschaft beim Heiligen Stuhl sowie den Nuntius in Polen Lauri über den anstehenden Transport. Er fordert Pacelli dazu auf, Sceftel, der auch in München Halt machen werde, um mit dem Nuntius die Zahlungsmodalitäten zu besprechen, nach Möglichkeit zu unterstützen.
[Kein Betreff]
con venti chèques di Lire 50.000 ciascuno
Ill.mo e Rev.mo Signore,
La Missione Pontificia di Soccorso in Russia - Gruppo residente a Krassnodar - ha richiesto di urgenza alla Santa Sede una rilevante quantità di medicinali assolutamente necessari per combattere la malaria, il tifo ed altre malattie che infieriscono nella zona del Kouban in modo spaventoso.
A tale scopo questa Segreteria ha destinato la somma di un milione, che rimetto qui unito alla S. V. Ill.ma e Rev.ma, in venti vaglia cambiari della Banca d'Italia, di lire cinquantamila ciascuno, e distinti dal Nº 0724904 al Nº 0724923, affinché Ella voglia tenerlo presso cotesta Nunziatura per il relativo pagamento alle Ditte fornitrici, secondo quanto le espongo qui appresso.
La Rappresentanza Commerciale Russa a Roma ha cortesemente offerto il sanitario della Croce Russa [sic], dott. Marco Sceftel, il quale, conoscitore dei luoghi invasi dalle malattie, competentissimo per la scelta e la misura dei medicinali, si propone di acquistare i medicinali stes-
100v
si presso alcune Ditte di Germania e segnatamente presso la Ditta Meister & Lucius, di curare ed accompagnare la spedizione dalla Germania, attraverso la Polonia, fino al confine Russo e, quel che più importa, di consegnare personalmente i medicinali agli Agenti della Santa Sede in Krassnodar.
La S. V. comprenderà facilmente come, ad evitare ogni possibile difficoltà per l'irregolare servizio ferroviario russo, convenga alla Santa Sede profittare dell'offerta di una persona che gode la fiducia del Governo Centrale di Mosca.
Per il libero passaggio attraverso l'Augustria1, la Germania e la Polonia, il dott. Sceftel ha già i regolari visti sul passaporto, e questa Segreteria per ogni buon fine, ha prevenuto della cosa l'Ambasciata di Germania e la Legazione di Polonia presso la Santa Sede, ed oggi stesso ne prevengo Monsignor Nunzio a Varsavia.
Mi preme, però, che lo Sceftel, prima di recarsi a Berlino, veda la S. V. (ed a tal uopo ha già il permesso di una sosta a Monaco per 24 ore, permesso che Ella potrà, occorrendo, far prorogare) e prenda opportuni accordi per il pagamento alle Case fornitrici, il quale mi sarebbe grato fosse eseguito direttamente dalla stessa S. V.
Ella vorrà inoltre raccomandare il Dott. Sceftel alle Autorità di Berlino perché gli siano larghe di facilitazioni nella consegna di
101r
un vagone per la spedizione, nella esenzione dalle tasse di esportazione e di spedizione, – cose tutte già raccomandate a quest'Ambasciata di Germania – e voglia altresì ottenergli dalle Case fornitrici il maggiore sconto possibile: sconto che, trattandosi di un'opera così caritatevole e pietosa, servirebbe ad aumentare la quantità dei medicinali e conseguentemente ad assicurare una più larga assistenza ai poveri malati russi.
Naturalmente ogni facilitazione concessa ora dalle Case fornitrici servirà d'incoraggiamento alla Santa Sede per eventuali nuovi acquisti di medicinali in Germania.
Ringrazio fin d'ora V. S. per quanto farà al riguardo e, mentre la prego di tenermi informato del corso della pratica, con sensi di distinta e sincera stima mi professo
di V. S. Ill.ma e Rev.ma 
Servitore
P. Card. Gasparri
1Hds. von unbekannter Hand gestrichen.
Empfohlene Zitierweise:
Gasparri, Pietro an Pacelli, Eugenio vom 30. November 1922 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 5923, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/5923. Letzter Zugriff am: 26.08.2019.
Online seit 31.07.2013, letzte Änderung am 23.02.2017