Dokument-Nr. 4175
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
München, 11. März 1924

Regest
Pacelli übersendet den von der bayerischen Regierung verabschiedeten definitiven Konkordatstext in deutscher und italienischer Sprache. Nun steht die Prüfung des Konkordats durch die Reichsregierung an. Angesichts der bevorstehenden Landtagswahl in Bayern am 6. April und deren unsicheren Ausgangs möchte der Nuntius die Prüfung zügig abwickeln, damit noch die amtierende bayerische Regierung das Konkordat unterzeichnen kann. Er beabsichtigt, am 14. März nach Berlin aufzubrechen. Er bittet Gasparri, über den deutschen Botschafter beim Heiligen Stuhl von Bergen darauf hinzuwirken, dass die Prüfung umgehend erfolgt und geheim gehalten wird.
Betreff
Sulle trattative per il Concordato bavarese
Eminenza Reverendissima,
Compio il gradito dovere di significare all'Eminenza Vostra Reverendissima che il Consiglio dei Ministri in Baviera, in due riunioni tenute ieri ed oggi, ha finalmente esaminato ed approvato senza alcuna modificazione il progetto di Concordato, già accettato dalla S. Sede, e di cui ho l'onore d'inviare qui accluso il testo definitivo nelle due lingue tedesca ed italiana.
Ora deve aver luogo, come è ben noto all'Eminenza Vostra, l'esame del progetto medesimo da parte del Governo del Reich a norma dell'accordo da me concluso in Berlino il 13 Novembre 1920 (cfr. Rapporto N. 18532 del 14 s. m.) ed approvato poi dall'Eminenza Vostra (Dispaccio N. B=13174 del 24 s. m.). Data l'incertezza dell'esito delle elezioni per il nuovo Landtag bavarese, le quali avranno luogo il 6 Aprile prossimo, e che potrebbero cagionare anche un cambiamento di Ministero, è della più grande importanza che tale esame venga compiuto colla massima sollecitudine, affinché il Concordato possa essere firmato dall'attuale Governo prima di detto giorno. Io stesso partirò Venerdì sera 14 corrente per quella Capitale, allo
33v
scopo di accelerare la cosa. Supplico tuttavia rispettosamente ed istantemente l'Eminenza Vostra a volersi degnare di agire, anche da Sua parte, con ogni urgenza ed energia per mezzo di cotesto Sig. Ambasciatore di Germania presso il Governo del Reich, acciocché
1°) l'esame in discorso si effettui immediatamente, senza lungaggini né cavilli, e
2°) si mantenga – come è avvenuto per oltre quattro anni di trattative in Baviera – il più assoluto segreto. Tale raccomandazione è necessaria, perché l'osservanza del medesimo sembra pur troppo completamente esulata dagli ambienti politici di Berlino.
Chinato umilmente al bacio della Sacra Porpora con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Dell'Eminenza Vostra Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
33r, obere rechte Ecke, hds., von Borgongini-Duca: "riassumere il Rapporto 13 nov. 1920 e fare subito una nota a questo Ambasciatore Germania".
Empfohlene Zitierweise
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 11. März 1924, in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 4175, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/4175. Letzter Zugriff am: 24.06.2024.
Online seit 18.09.2015, letzte Änderung am 26.06.2019.