Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 11637
Pacelli, Eugenio an Sincero, Luigi
Berlin, 09. April 1927

Betreff
Sul Sac. Prof. Berg
(con 2 Allegati)
Eminenza Reverendissima,
Facendo seguito alla lettera N. 37199 del 31 Marzo u. s. concernente il Rev. Sac.  Prof. Berg che mi diedi premura di inviare al Revmo Mons.  Michele d'Herbigny, compio il dovere di comunicare all'Eminenza Vostra Reverendissima quanto l'Emo  Cardinale Bertram mi ha scritto con lettera del 6 Aprile corr. intorno al suddetto sacerdote.
Nel trasmettermi copia del venerato Dispaccio N. 805/27 del 26 Marzo, direttogli da Vostra Eminenza, egli mi ha significato che, onde la cosa non produca una penosa meraviglia nel Ministero del Culto, sarebbe bene che il Prof. Berg rimanesse ancora per sei mesi od un anno nell'assistenza spirituale dei russi. Se durante questo tempo un sussidio per il di lui mantenimento non potesse essergli concesso dalla S. Sede, egli stesso si sarebbe incaricato di corrisponderlo. Del resto l'Emo aggiunge
30v
di avere detto già da qualche tempo al Sac. Berg come egli non vegga con piacere che un maestro di Religione in un Ginnasio lasci troppo a lungo il suo importante ufficio.
Contemporaneamente ho ricevuto dal più volte menzionato Prof. Berg (che non aveva sino ad oggi mai fatto parola di ciò) la qui unita lettera (Allegato I), munita di attestato medico (Allegato II), colla quale egli mi partecipa che in seguito ad un forte esaurimento nervoso avrebbe bisogno di qualche mese di cura e di congedo. Per tale motivo egli stima conveniente che venga esonerato dalla cura spirituale dei russi, e sottopone il caso alla decisione della S. Sede. Evidentemente, avendo egli compreso che la sua ulteriore permanenza in Berlino nel summenzionato ufficio non era gradita, ha addotto tale ragione di salute per giustificare il suo ritiro. Contrariamente poi a quanto egli mi aveva affermato, anche per iscritto, vale a dire che aveva definitivamente rinunziato al suo posto in Aquisgrana, il Berg ha detto testé
31r
al R. P.  Rauterkus S. J. essere sua intenzione di far ritorno in questa città per ivi riprendere le sue antiche funzioni. Così il suo allontanamento da Berlino potrà effettuarsi con maggior sollecitudine, secondo le intenzioni dell'Eminenza Vostra.
Intanto, in conformità delle istruzioni impartitemi da Vostra Eminenza coll'ossequiato Dispaccio N. 805/27 del 26 Marzo p. p., non ho mancato di chiedere all'Emo  Cardinale Schulte ed al Rev. P.  Gehrmann precise informazioni sul Rev.  Prof. Schade. Non appena mi giungeranno, avrò cura di comunicarle all'Eminenza Vostra. Poiché, inoltre, l'Emo Cardinale Bertram verrà a Berlino dopo la Domenica in Albis, potrei parlare anche con lui della cosa, se così piacesse all'Eminenza Vostra, i cui ordini rispettosamente imploro.
Chinato umilmente al bacio della Sacra Porpora, con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Di Vostra Eminenza Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
30r, rechts neben dem Briefkopf hds. von unbekannter Hand, vermutlich vom Empfänger, notiert: "474/28"; unterhalb der Datumszeile hds. von weiterer unbekannter Hand, vermutlich vom Empfänger, in blauer Farbe notiert: "19".
1Protokollnummer der Kongregation für die Orientalische Kirche.
2Protokollnummer der Kommission Pro Russia.
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Sincero, Luigi vom 09. April 1927 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 11637, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/11637. Letzter Zugriff am: 25.01.2020.
Online seit 25.02.2019