Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 255
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
Rorschach, 26. November 1918

Regest
Pacelli berichtet aus Rorschach am Bodensee, wo er sich auf Anraten des Münchener Erzbischofs Faulhaber im Institut Stella Maris der Menziger Schwestern vom Heiligen Kreuz zur Erholung befindet. Der Nuntius übersendet den Text einer Veröffentlichung amtlicher Dokumente aus den Akten der Bayerischen Gesandtschaft in Berlin vom Juli 1914 über den Ausbruch des Ersten Weltkrieges, die auf Initiative Kurt Eisners erschien. Aus diesen Dokumenten gehe hervor, dass Berlin der Meinung war, Serbien würde das Ultimatum Österreichs nicht annehmen, und daher sei der Krieg die Folge; dass Berlin mit dem Vorgehen Österreichs einverstanden war; dass ein Krieg für Frankreich und England ungünstig war auch in Anbetracht der Bemühungen Greys zur Erhaltung des Friedens; dass der Preußische Generalstab damit rechnete, Frankreich in vier Wochen niederwerfen zu können und dass Deutschland daher die Neutralität Belgiens nicht respektieren konnte. Neben seiner Empörung gegenüber von Hertling zeigt Pacelli auch seine Verwunderung gegenüber der Entente, die die harten Bedingungen des Waffenstillstands von Marschall Foch durchsetzte, anstatt der hungernden Bevölkerung zu helfen, und die das Risiko bolschewistischer Exzesse nicht in Betracht zog. Pacelli sehnt sich nach einer ordentlichen Regierung, sei diese auch republikanisch, die anstelle der anmaßenden Arbeiter- und Soldatenräte wieder Ordnung bringen könne. Die Trennung zwischen Kirche und Staat in Preußen stelle auch ein politisches Ziel der neuen Regierung in München dar. Pacelli hofft, dass seine Ablehnung des Treffens mit Kurt Eisner auf das Einverständnis Gasparris trifft; andernfalls würde Monsignore Schioppa für eine Wiedergutmachung sorgen. Pacelli bekundet aber trotzdem seine Abneigung, als Nuntius mit solchen Individuen offizielle Beziehungen pflegen zu müssen.
[Kein Betreff]
Eminenza Reverendissima,
Come ho avuto già l'onore di significare all'Eminenza Vostra Reverendissima col mio cifrato del 21 corrente, dopoché ebbi ricevuto l'autorizzazione ad <di>1 allontanarmi da Monaco prendendo consiglio da quell'Arcivescovo, non mancai di recarmi dal sullodato Mons. Faulhaber, onde avere il suo avviso in proposito. Egli mi confermò che, nonostante la calma del momento, la situazione era sempre sommamente grave ed incerta, e probabilmente sarebbero presto venuti giorni di profondi turbamenti. Gli stessi rivoluzionari, che si trovano attualmente al potere, non sono sicuri d'aver la forza di mantenere
2av
l'ordine, soprattutto allorché ritorneranno i soldati dal fronte. In seguito a ciò, Mons. Arcivescovo, avuto anche riguardo alla mia salute scossa per il lavoro, le preoccupazioni e la difficoltà della nutrizione, mi consigliò di recarmi, sotto forma di temporaneo congedo, a Rorschach <in Svizzera>2, cittadella di confine sul largo di Costanza, e di ivi attendere il corso degli avvenimenti, e m'indicò pure l'Istituto delle Religiose della S. Croce "Stella Maris", ove avrei potuto essere ospitato. Il suo consiglio è stato da me intieramente seguito. Mons. Schioppa con lodevole spirito di sacrificio è rimasto a Monaco per la trattazione degli affari della Nunziatura.
Spero che Vostra Eminenza avrà ricevuto il mio rispettoso Rapporto, nel quale riassumevo le cause della catastrofica fine della guerra per la Germania. Ora (sebbene assai probabilmente lo avrà già fatto Mons. Schioppa) credo opportuno d'inviarLe qui accluso il testo della pubblicazione sulle origini prossime della guerra, fatta recentemente
2br
dall'attuale Ministro degli Esteri bavarese, Kurt Eisner, di cui senza dubbio si sarà occupata anche la stampa italiana. Sono rapporti della Legazione di Baviera in Berlino del Luglio 1914 (il primo di essi, secondo che è stato poi dichiarato, venne redatto non dal Ministro Conte Lerchenfeld, ma dal Consigliere della Legazione stessa, von Schön), assai gravi per la responsabilità degli uomini che governavano allora la Germania, giacché da essi risulta: 1°) che l'ultimatum <dell'Austria>3 alla Serbia si considerava a Berlino come inconciliabile colla dignità della Serbia medesima quale Stato indipendente, e quindi tale che questa non avrebbe potuto accettarlo, e si prevedeva pure che la guerra ne sarebbe stata la conseguenza; 2°) che il Governo di Berlino si manifestò d'accordo con simili procedimenti; 3°) che, a giudizio del Governo medesimo, il momento per la guerra era sfavorevole per la Francia e per l'Inghilterra, e che Sir E. Grey si sforzava lealmente allo scopo di mantenere la pace; 4°) che lo Stato maggiore prussiano con-
2bv
tava di schiacciare la Francia in quattro settimane; 5°) che lo Stato Maggiore medesimo decise senz'altro di non rispettare la neutralità del Belgio (anche a costo di [non]4 avere contro di sé l'Inghilterra), perché solo così sarebbe stato possibile l'attacco contro la Francia. – Io proprio non capisco come il Conte Hertling, a cui tali comunicazioni erano state dirette, abbia potuto poi affermare che il Governo tedesco doveva esigere ag 5 garanzie perché il Belgio non divenisse di nuovo per l'Intesa un territorio di marcia ("wieder ein Aufmarschgebiet") contro la Germania!
D'altra parte, mi ha recato meraviglia di leggere su qualche giornale italiano, che ho potuto qui avere, come la stampa dell'Intesa, la quale era prima tutta intenta a descrivere, anche esagerandola, la fame in Germania, ora invece additi come una falsa manovra i disperati appelli di questa per aver viveri ed i timori di eccessi bolscevistici. Ciò può ben far comodo per giu-
2cr
stificare le ferree ed inesorabili condizioni di armistizio del generale Foch, ma non corrisponde alla verità. Pur troppo la situazione è tristissima in Germania; nessun ordine in quel popolo già così rigidamente organizzato, nessuna disciplina, nessun rispetto; tutto il potere è in mano agl'incomposti ed insolenti Consigli degli operai e dei soldati. Speriamo che le prossime elezioni per l'assemblea nazionale riescano a migliorare la situazione e conducano ad una forma, sia pure repubblicana, ma conveniente ed ordinata di governo; altrimenti niuno può dire sino a qual punto le cose possano giungere!
Quanto alla separazione dello Stato dalla Chiesa in Prussia, il Cardinale von Hartmann diresse testé al Governo una protesta, di cui mi onoro parimenti di
2cv
accludere il testo, apparso sulla Germania . Il Governo da parte sua ha fatto ora smentire che abbia intenzione di attuare una tale riforma con un semplice decreto, ha tuttavia riconosciuto che la separazione rientra nelle linee generali della sua politica e che sono già iniziati al riguardo i lavori preparatori, ai quali saranno chiamati anche "rappresentanti delle chiese", affinché si abbiano i dovuti riguardi agl'interessi ed ai sentimenti della parte religiosa del popolo tedesco.
Mi auguro che Vostra Eminenza abbia ricevuto anche il mio ossequioso rapporto, nel quale esponevo le ragioni, per cui mi era sembrato di dover declinare cortesemente la proposta di un incontro col Sig. Kurt Eisner. Nell'impossibilità di chiedere istruzioni alla S. Sede, data la ristrettezza del tempo, e di poter 6 udire il consiglio dell'Arcivescovo, allora assente da Monaco, presi quella riflessione 7 determinazione, che coram Domino, dopo conveniente riflessione, parve al mio debole giudizio la
2dr
migliore. Se avessi errato, non sarà certo difficile rimediarvi e riprendere la cosa; ciò riuscirebbe anzi assai più agevole a Mons. Schioppa, che è semplice Uditore ed Incaricato d'Affari. Per un Nunzio confesso che è ripugnante il mettersi in rapporti più o meno ufficiali con simili individui.
Dopo di ciò, altro non mi resta per ora che esprimere all'Eminenza Vostra la mia più profonda gratitudine per tutte le autorizzazioni, le facoltà ed i favori accordatimi, mentre, chinato al bacio della Sacra Porpora, ho l'onore di confermarmi
Dell'Eminenza Vostra Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
1"ad" hds. gestrichen und "di" hds. eingefügt von Pacelli.
2"in Svizzera" hds. eingefügt von Pacelli.
3"dell'Austria" hds. eingefügt von Pacelli.
4"[non]" hds. gestrichen von Pacelli.
5"ag" hds. gestrichen von Pacelli.
6"poter" hds. gestrichen von Pacelli.
7"riflessione" hds. gestrichen von Pacelli.
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 26. November 1918 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 255, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/255. Letzter Zugriff am: 12.12.2019.
Online seit 02.03.2011, letzte Änderung am 01.09.2016