Datenschutz Impressum

Dokument-Nr. 173
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro
München, 03. März 1924

Regest
Pacelli berichtet von den seiner Einschätzung nach tendenziösen und unbegründeten Angriffen, die General Ludendorff bei seiner Verteidigungsrede während des Gerichtsprozesses zum Hitler-Ludendorff-Putsch vom November 1923 formulierte. Ludendorffs Attacken richteten sich gegen die Zentrumspartei, die Bayerische Volkspartei, die Jesuiten, den Klerus, den Münchener Erzbischof Kardinal Faulhaber und den Heiligen Stuhl, dem der General eine antideutsche Politik vorwirft. Der Nuntius, der einen Zeitungsabdruck der Rede beifügt, wertet Ludendorffs Ausführungen als Symptom eines fanatistischen, intoleranten Protestantismus. Vor allem die katholische Presse, aber auch das sozialdemokratische Organ "Vorwärts" wiesen die Ausführungen des Generals zurück, was Pacelli durch Beispiele belegt.
Im Anschluss berichtet Pacelli von einem Treffen mit Ministerialrat Stengel aus dem Bayerischen Außenministerium, der sich im Namen der Bayerischen Regierung von Ludendorffs Äußerungen distanzierte und die Unterstützung des Heiligen Stuhls für Deutschland im und nach dem Krieg würdigte. Vom Nuntius auf eine entsprechende offiziöse Erklärung angesprochen, referierte Stengel die Bedenken der Regierung, dass dies Anlass für weitere Attacken des Generals und auf französischer Seite für den erneuten Vorwurf der "Germanophilie" an den Heiligen Stuhl geben könnte.
Betreff
Attacchi del Generale Ludendorff contro la S. Sede
Eminenza Reverendissima,
Nel processo, che si sta ora svolgendo in Monaco in seguito alla sommossa nazionalista del Novembre scorso (cfr. cifrati NN.  443, 444 e 445 e Rapporto N. 28961), il Generale Ludendorff , uno degli accusati, nel suo discorso di difesa si è diffuso in tendenziosi, per quanto infondati attacchi non solo contro il Centro tedesco ed il partito popolare bavarese, ma anche contro i Gesuiti, il Clero, l'Emo Cardinale Faulhaber e la stessa S. Sede, accusandola di aver fatto e di fare una politica ostile alla Germania. L'Eminenza Vostra Reverendissima troverà qui accluso il testo del discorso medesimo, quale è stato riprodotto dal Bayerischer Kurier ( Allegato I ) e dalle Muenchner Neueste Nachrichten ( Allegato II ). Esso è un sintomo caratteristico del persistente e cieco fanatismo del Protestantesimo intollerante, irritato per la propria decadenza e per il crescente prestigio del Papato.
I giornali cattolici non hanno mancato di ribattere fortemente le calunnie del Ludendorff, come l'Eminenza Vostra potrà, ad esempio, rilevare dal numero parimenti qui compiegato
3v
del Bayerischer Kurier ( Allegato III ), in cui sono già stati pubblicati due articoli, il primo del Sig.  Barone von Cramer-Klett ed il secondo della redazione stessa del giornale ("la lotta contro Roma"). La ufficiosa Corrispondenza Hoffmann ha messo in rilievo l'inesausta carità del S. Padre a favore dei bisognosi in Germania con un comunicato che trovasi pure riportato nel suddetto numero del Bayerischer Kurier. Tutta una serie di articoli contro il Ludendorff apparisce del resto non solo nella stampa cattolica, giustamente indignata, ma anche, sotto altri punti di vista, in generale nei giornali non nazionalisti. Così, ad esempio, il socialista Vorwärts (N. 104) consacra al discorso del Generale questi ironici commenti: "Ludendorff capisce qualche cosa di strategia; quanto, disputano fra di loro i periti. Nella politica egli è un 'asino per grazia di Dio'. Un'asinaggine fu l'aver fatto troppo poco caso dell'America, un'asinaggine l'essersi proposto scopi di conquista in una guerra, che al massimo avrebbe potuto per un miracolo esser vinta come lotta di difesa, un'asinaggine la sua parte nel putsch di Kapp, un'asinaggine la sua parte nel putsch di Hitler, un'asinaggine è stato anche il suo discorso di ieri".
Stamane poi è venuto a visitarmi il Sig.  Barone von Stengel , Consigliere ministeriale nel Dicastero degli Esteri, affine di
4r
manifestarmi, per incarico del Consigliere di Stato, Sig.  Schmelzle (rappresentante del Sig. Ministro Presidente, in questi giorni assente da Monaco), quanto penosi siano riusciti tali attacchi contro la S. Sede al Governo bavarese, il quale (ha egli detto) ben conosce ed apprezza l'attitudine non solo corretta, ma benevola ed amichevole della S. Sede medesima, sia durante che dopo la guerra, nei riguardi della Germania. Il Governo (ha soggiunto) non ha tuttavia alcuna responsabilità per le affermazioni di un uomo privato, e di più non bavarese, quale è il menzionato Generale. Ho chiesto al Sig. Barone, se il Governo si proponesse di fare qualche pubblica dichiarazione (ufficiosa) in proposito, ed egli mi ha risposto che si è riflettuto alla cosa, ma si teme che, essendo in corso il processo, una simile dichiarazione (la quale, se non entrasse nei dettagli, riuscirebbe inefficace) darebbe pretesto, da una parte, al Ludendorff per nuovi spiacevoli attacchi e, dall'altra, probabilmente alla Francia per rinnovare le accuse di germanofilia contro la S. Sede.
Chinato umilmente al bacio della S. Porpora, con sensi di profondissima venerazione ho l'onore di confermarmi
Dell'Eminenza Vostra Reverendissima
Umilissimo Devotissimo Obbligatissimo Servo
+ Eugenio Pacelli Arcivescovo di Sardi
Nunzio Apostolico
3r, hds.links oberhalb des Textes von unbekannter Hand notiert, vermutlich von einem Nuntiaturangestellten: "Acc. ric. col. N. 28171
Empfohlene Zitierweise:
Pacelli, Eugenio an Gasparri, Pietro vom 03. März 1924 , in: 'Kritische Online-Edition der Nuntiaturberichte Eugenio Pacellis (1917-1929)', Dokument Nr. 173, URL: www.pacelli-edition.de/Dokument/173. Letzter Zugriff am: 04.04.2020.
Online seit 18.09.2015, letzte Änderung am 26.06.2019